Cerca

Dramma

Catania, parla il padre della neonata morta in ambulanza:" Vogliamo una risposta dagli assessori e magistrati"

Catania, parla il padre della neonata morta in ambulanza:" Vogliamo una risposta dagli assessori e magistrati"

Andrea di Pietro, il padre della piccola Nicole, la neonata morta su un'ambulanza che la trasportava in ospedale per mancanza di posti in ospedale, racconta a Corriere.it i drammatici attimi prima della tragedia. "Che ci fosse una crisi respiratoria si è capito subito. I medici dicevano che forse la bimba aveva ingoiato liquido amniotico. E io a scongiurarli di toglierglielo dai polmoni. Ci vuole una cannula, diceva uno. E l'altro la cercava senza trovarla. Ma quanto costa una cannula, una cannuccia per succhiare un po' di liquido a una creatura appena nata? Dov'è?, chiedevo. Trovatela questa c... di cannula". Andrea parla di un "parto naturale fantastico". "Il dramma è cominciato a materializzarsi un attimo dopo il parto, perché la bambina, dopo il primo vagito, non rispondeva, affannata, come non respirasse", aggiunge. Ora i genitori chiedono giustizia, dopo la tragedia enorme che li ha colpiti. "Hanno permesso che per una cannuccia morisse mia figlia. Che cos’è? Negligenza, malasanità, strafottenza? Date una risposta. Che diano una risposta assessori e magistrati. E che la diano anche su questi tre ospedali di Catania dove non si trova posto per un’emergenza, per salvare una vita". Forse i genitori della piccola Nicole presto avranno tutte le risposte su questa tragica vicenda. Stamattina sono stati convocati  dall'assessore regionale alla Sanità della Sicilia Lucia Borsellino, i direttori generali, i direttori sanitari dei tre ospedali catanesi coinvolti nell'indagine. L'assessore ha convocato anche i responsabili del 118 "per fare luce su quanto è accaduto in quelle ore terribili". Lucia Borsellino è stata molto dura parlando di vergogna senza escludere che cadranno delle teste. Il ministro della Sanità Beatrice Lorenzin ha inviato gli ispettori nei tre ospedali catanesi in cui non c'era posto per soccorrere la neonata. 

La difesa della clinica - La casa di cura Gibiino di Catania però respinge fermamente ogni illazione e congettura che in queste ore viene diffusa nei confronti del proprio operato, nell'ambito della morte della piccola Nicole. Ora la clinica si dice certa che dagli esami autoptici emergerà che il decesso è stato causato da fattori che esulano dall'attività dei medici della struttura, che hanno fatto di tutto per salvare la vita alla neonata utilizzando cannule e sondini immediatamente dopo la nascita. L'autopsia sul corpo della piccola sarà eseguita tra lunedì e martedì.

Il dolore ti insegue - "Ci sono tanti tipi di amore - scrive su Facebook, dove ha anche postato le sue foto incinta poco prima del parto, la madre della neonata morta - e noi abbiamo avuto la fortuna di provarli tutti, il più grande è senza dubbio quello per i propri figli ed io e Andrea lo proveremo per sempre per la nostra piccola Nicole che fin da subito dentro me ci ha regalato una gioia immensa e un amore infinito". Tania chiede giustizia. "Poi c’è il dolore - continua la donna - quello non vorresti mai provarlo sotto nessuna forma, ma lui ti insegue e noi siamo stati inseguiti e presi da quello più brutto, il dolore della perdita di un figlio, un dolore che ti spezza il cuore in mille pezzi, un dolore che ti svuota, ti toglie la voglia di vivere, perché la tua vita era la sua vita. La nostra bambina non c’è più e non per cause naturali, ma per un errore umano, tanti errori umani quello che dicono i Tg è solo una parte di verità... ma presto si avrà giustizia, presto tutto verrà alla luce e la mia bambina avrà pace". È un messaggio straziante: "Non mi hanno permesso di vederla, di stringerla a me, di accarezzarle la manina e farle sentire che io le ero vicino, me l hanno portata via, senza averle potuto dare il suo primo e ultimo saluto". E ancora: "Piccola mia tu vivrai per sempre nei nostri cuori... ricorderò ogni piccolo movimento che facevi dentro me fino a poco prima della tua nascita eri e sarai per sempre la mia piccola ballerina scatenata. Ti amo amore di mamma". 

Guarda le foto di Tania incinta della piccola Nicole

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sempreadestra

    14 Febbraio 2015 - 12:12

    Questo è il risultato del famoso '68 quando c'era il 6 politico e ti davano la laurea in base all'appartenenza politica senza aver imparato niente!!! Questi signori sono diventati gli insegnanti dei nuovi medici e secondo voi cosa potevano insegnare se non sapevano di cosa si parlava!!!! Ecco il risultato !!!!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    13 Febbraio 2015 - 18:06

    Vorrei ringraziare la casta di governo di questo paese, sempre pronta a votarsi nuovi benefici e ad invocare i diritti acquisiti ma assolutamente incapace a governare. Nicole aveva il "diritto acquisito" per nascita ad essere tutelata e curata, ma questa categoria di incapaci che coprono col le loro terga le poltrone del potere glielo hanno negato. Nicole nn è morta per colpa di uno, ma di tanti!

    Report

    Rispondi

blog