Cerca

Attenti al ladro

Torino, beve una bibita da 1,20 euro senza pagare. Due mesi di carcere e 6 anni di calvario: prosciolto

Torino, beve una bibita da 1,20 euro senza pagare. Due mesi di carcere e 6 anni di calvario: prosciolto

Nel 2008, un 38enne marocchino bevve una bibita, di nascosto, da 1,20euro all'interno di un supermercato di Mondovì. Sorpreso da un vigilante è stato denunciato per furto aggravato dallo violenza sulle cose e, nel 2009, condannato con decreto penale a due mesi di carcere e 100 euro di multa con la condizionale. Ci sono voluti sei anni per chiudere il caso e prosciogliere Youssef dalla Corte d'Appello del capoluogo piemontese.

La Fine - Non si tratta neanche di furto, ma di tentato furto, spiega il difensore. E l'inghippo sarebbe nella linguetta della lattina stessa, la quale non è un sigillo di protezione, ma solo un mezzo di chiusura. La sentenza è ora stata cancellata: i giudici hanno accolto la tesi della difesa e hanno sancito che il processo di primo grado non doveva neppure cominciare. Il suo avvocato, Fabrizio Bruno di Clarafond, uscendo da Palazzo di Giustizia ha commentato: “C’è di che avvilirsi. Non bastava fargli pagare il prezzo della lattina?”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filen

    filen

    18 Febbraio 2015 - 11:11

    Che Italia di merda ci hanno tirato sti rincoglioniti di politici parassiti

    Report

    Rispondi

  • calimero63

    18 Febbraio 2015 - 10:10

    e chi lo ripagherà dei sei anni ti stress e ansia?? bastardi! bastava fargli pagare il "maltolto" ! davvero assurdo.

    Report

    Rispondi

  • ulanbator10

    18 Febbraio 2015 - 08:08

    Il problema è il solito. Pubblici Ministeri indecenti che cercano sempre tutto il male possibile dell'indagato e non gliene frega un caz..... della verità, che è l'unica cosa che dovrebbero cercare e non solo le prove della colpevolezza.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    18 Febbraio 2015 - 04:04

    Un conoscente è stato colto da una crisi ipoglicemica al supermercato in compagnia della moglie.Ha mangiato per necessità VITALI una barretta di cioccolato,ma nonostante questo è stato denunciato dalla direzione e portato in tribunale.Fortuna vuole che il giudice,constatato il referto medico del pronto soccorso e la malattia metabolica ha prosciolto in formula piena il malcapitato.Se no erano guai

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog