Cerca

L'orrore

Opera, detenuto si suicida e i poliziotti esultano sui social network: "Uno di meno"

Opera, detenuto si suicida e i poliziotti esultano sui social network: "Uno di meno"

Scandalo per l’Alsippe, un sindacato della polizia penitenziaria, che  pubblica un link su Facebook sul suicidio di un detenuto di 39 anni nel carcere di Opera a Milano. Sotto il post si sono scatenati i commenti molto pesanti e offensivi dei poliziotti. 

L'accaduto- Un rumeno di 39 anni, in carcere con la condanna dell'ergastolo, si è impiccato lo scorso 15 febbraio 2015 nella sua cella. Dopo la pubblicazione del link la pagina Facebook è stata "bombardata" di commenti offensivi: "Ottimo, speriamo abbia sofferto"; "Uno in meno"; "Consiglio di mettere a disposizione più corde e sapone..." ; "Oh . Come sono dispiaciuto."

Provvedimenti- Luigi Pagano, vicecapo vicario del Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria) di Roma, ha commentato la vicenda: "Stiamo facendo accertamenti per capire, intanto, che sindacato è questo, e se effettivamente i commenti sono stati scritti da agenti della polizia penitenziaria, risaliremo all’identità e nel caso prenderemo gli opportuni provvedimenti". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlamasel

    19 Febbraio 2015 - 14:02

    uno in meno da mantenere concordo con i secondini se restava a casa sua quel poveretto sarrebbe ancora vivo e lo stato italiano con più soldi nelle casse .facciamo alcune finanziarie .... tutti a casa loro ,ma proprio tutti.

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    19 Febbraio 2015 - 10:10

    Questa mattina ho incontrato un amico che leggeva una locandina di un giornale che diceva:ladri si gettano dalla finestra per sfuggire alla polizia.Il commento di questa persona è stato :peccato che non si siano ammazzati.Questi commenti avvengono perchè la gente non ne può più di delinquenti ,che se vengono presi ,il giorno dopo sono liberi.

    Report

    Rispondi

    • Chry

      19 Febbraio 2015 - 11:11

      E allora? di certo non era libero

      Report

      Rispondi

  • mab

    19 Febbraio 2015 - 10:10

    Perchè tutto questo accanimento contro questo poverino che aveva solamente ucciso un vicino di casa per rapinarlo, sapete bene che questa etnia è docile ed il nostro governo ha fatto bene a spianare l'invasione anche di questi.........

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    19 Febbraio 2015 - 10:10

    Il commento dei poliziotti carcerari è certamente deplorevole,ma il rumeno che si era beccato l'ergastolo non era certamente uno stinco di santo e conoscendo la giustizia italiana ,tra sconti vari avrebbe scontato metà pena poi sarebbe stato di nuovo in libertà a delinquere.C'è bisogno di scomodare ministri per un simile episodio?Se si è voluto suicidare ,cazzi suoi e pace all'anima sua.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog