Cerca

Tutti i consigli

Furti in appartamento, le regole per evitarli

Furti in appartamento, le regole per evitarli

I numeri non lasciano ombra di dubbio: i furti negli appartamenti stanno aumentando in modo impressionante (leggi il dato impressionante). Così il quotidiano La Stampa ha chiesto ai carabinieri di Torino alcuni consigli per evitarle di ritrovarsi i topi di appartamento in casa. Non esiste una formula magica, ma i militari hanno dato cinque consigli utili. Si tratta di accorgimenti che riducono le possibilità di ritrovarsi con la casa svagligiata. 

1) Se andate via per poco tempo, lasciate una luce accesa, o anche un tv o una radio perché ovviamente i rumori scoraggiano i ladri. Ci sono anche apparecchi dotati di timer che vi possono essere utili. Se avete vicini fidati (fidatissimi) chiedete loro di fare dei controlli 

2) Sulla segreteria del telefono di casa registrate messaggi sempre al plurale e non dite "Non siamo in casa" ma "in questo momento non possiamo rispondere". Anche i vicini sono importanti: scambiatevi i numeri di telefono, chiamatevi se vedete movimenti sospetti.

3) Attenti alla porta d'ingresso. I carabinieri consigliarno di farsi installare, ad esempio, una porta blindata con spioncino e serratura di sicurezza. Aumentate le difese "cosiddette passive" come, ad esempio, l' installazione di videocitofoni e/o telecamere a circuito chiuso. È un accorgimento utile.

4) Controllate che la vostra chiave non sia facilmente duplicabile e, se dovete fare una copia, andate personalmente in ferramenta. Non lasciatela mai sotto lo zerbino.  Un'abitudine questa molto diffusa nelle famiglie numerose ma è un regalo per i ladri che studiano le abitudini delle persone che vivono nell'appartamento preso di mira.

5) Chi abita ai piani bassi monti delle grate alle finestre o utilizzi dei vetri antisfondamento.

6) Collegati gli antifurto con i numeri di emergenza (nella sezione modulistica del sito www.carabinieri.it troverete le indicazioni per collegare il vostro antifurto al 112 . Non informate nessuno del tipo di apparecchiature di cui vi siete dotati né della disponibilità di eventuali casseforti. Meno gli altri sanno, meglio è. Lo stesso vale per il citofono e altri dispositivi.

7) Per quanto riguarda il citofono, mettete solo il cognome e cosi anche sulla cassetta della posta per evitare di indicare il numerodegli inquilini che vi abitano. Ricordate: il nome identifica l' individuo, il cognome la famiglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mas.gaboardi

    10 Aprile 2015 - 18:06

    non preoccupiamoci abbiamo alf-ano lui è brutto stupido dannoso in-affidabile in- competente ma è un parassita un asino è la sentinella antitasse per il resto non sa niente l importante la poltrona

    Report

    Rispondi

  • ilbillograsso

    10 Aprile 2015 - 16:04

    La cosa più importante è non uscire mai di casa. Poi, come giustamente dice giacomolovecch, anche la foto di un qualunque politico importante di destra può funzionare, ma non sempre. Se infatti il ladro è di Forza Italia, non si fermerà davanti a nulla. Rubare è nel sangue......

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    23 Febbraio 2015 - 21:09

    E per ultimo non tenere nulla di valore in casa

    Report

    Rispondi

  • spalella

    23 Febbraio 2015 - 16:04

    la prima regola : sentendo rumori che fanno pensare allo scassinamento di una finestra o della porta di casa, SPARARE ATTRAVERSO LE IMPOSTE. Tanto fuori da una finestra, dal 1° piano in sù, non deve esserci nessuno, No ? e se la porta si apre, mentre siamo dentro, nemmeno lì c'è dubbio, NO ? LA LEGGE ITALIANA ? non rispetto Leggi assurde, E COMUNQUE POI VEDRO', ma prima sparo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog