Cerca

L'inchiesta

Yara, Bossetti intecettato in carcere: "Non confesso per la mia famiglia"

Yara, Bossetti intecettato in carcere: "Non confesso per la mia famiglia"

Proprio il giorno in cui il pool difensivo di Massimo Bossetti fa una conferenza stampa per smontare le accuse contro di lui, diventa pubblica un'intercettazione in cui di fatto il muratore ammette le sue colpe. "Rischierò l’ergastolo, ma non confesso per la mia famiglia". Questo il senso delle chiacchiere tra Massimo Bossetti, indiziato numero uno del delitto di Yara Gambirasio, e gli altri detenuti del carcere di Bergamo. Le affermazioni del muratore di Mapello sono state acquisite dai magistrati che indagano sull'uccisione della 13enne di Brembate. Ma il legale Claudio Salvagni insiste: "Non confessa, perché non ha fatto nulla. Non crolla, perché vuole dimostrare la sua innocenza". La pensa diversamente il pm che indaga sull'omidicio della povera Yara, Letizia Ruggeri, che ritiene interessanti queste ammissioni. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luigi123

    26 Febbraio 2015 - 01:01

    Ma continuiamo a tener su un ministero della giustizia che di giustizia non ha nulla..? La legge e' uguale per tutti... campa cavallo... Anni di lavoro per non arrivare al colpevole ed allora, visto che forse e' lui, poi se non confessa non e' detto che sia innocente: lo fa per la famiglia..? Bossetti: SILENZIO IL NEMIKO ASCOLTA! Era tempo di guerra quando si dicevano tra loro, i vecchi...

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    24 Febbraio 2015 - 16:04

    @Romeo Del Canto fattene una ragione Bossetti è innocente perché non ha ucciso lui Yara. Poi se verrà condannato vuol dire che il vero colpevole la farà franca. Tutto qui

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    24 Febbraio 2015 - 13:01

    rimane sempre il mistero del DNA che non è affatto chiaro ancora non solo nucleare e mitocondriale non corrispondenti, ma l'origine che proviene da un morto. Gira voce che i test del DNA a miglia di persone siano costati la bellezza di 20milioni, quindi l'assassino deve assolutamente uscire fuori per giustificare, si fa per dire i soldi buttati, ecco perché l'annuncio di Alfano, dopo stop soldi.

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    24 Febbraio 2015 - 12:12

    poi c'è la questione dell'intercettazione in cella, è un falso, visto che sono i detenuti a spingerlo a confessare e non il compagno di cella. Vuoi che la difesa non abbia messo in guardia il suo assistito di non dire niente durante la galera? Qualche giorno fa gli inquirenti hanno detto di voler sentire il compagno di cella se Bossetti gli avesse confidato qualcosa, adesso parlano d'intercettazio

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog