Cerca

La decisione

Multe scadute, l'accordo Comune di Milano e Equitalia

Multe scadute, l'accordo Comune di Milano e Equitalia

Un accordo tra Comune di Milano e Equitalia per recuperare le multe elevate fino al 31 dicembre 2004 e  mai pagate. I milanesi riceveranno circa 160mila cartelle che propongono di chiudere i conti col passato con un pagamento agevolato da fare entro il 30 aprile, senza maggiorazioni semestrali e con un aggio dimezzata. La riscossione da parte del Comune di sanzioni e tributi i) è iniziata lo scorso ottobre, ma adesso la palla passa di nuovo ad Equitalia che deve occuparsi della rottamazione delle vecchie multe. Secondo la legge, infatti, la procedura agevolata deve essere gestita soltanto dall'agente di riscossione cui a suo tempo erano stati consegnati i debiti iscritti a ruolo.

Un esempio - Nel caso di un divieto di sosta rilevato nel 2004, dagli euro 44,60 iniziali il debito sarebbe di 167,87 euro. Con la "rottamazione" se ne pagano 47,22. La scadenza per aderire è il 30 aprile 2015: per informazioni o chiarimenti bisognerà rivolgersi direttamente ad Equitalia. Le strade per i pagamenti sono due: i solleciti bonari e l'ingiunzione vera e propria. Per i primi, si pagano l'importo pieno della sanzione , i costi di notifica (6 euro) e quelli di riscossione, ma rispetto alla vecchia cartella spariscono l'aggio e le maggiorazioni semestrali. Per le ingiunzioni, l'importo comprende l'interesse semestrale, calcolato dalla data in cui è decorso il termine per il pagamento in misura ridotta: per chi non salda, c'è la riscossione coattiva. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ixior

    23 Febbraio 2015 - 11:11

    forse mi sfugge qualcosa, ma se una multa è "scaduta" non significa che si è perso il diritto alla riscossione? pertanto quelle multe non hanno più valore e non verranno pagate a prescindere?

    Report

    Rispondi

blog