Cerca

omicidio

Omicidio Ceste, il marito Michele Buoniconti ha invitato una giornalista di Giallo a casa: sui muri neanche una foto della moglie

Omicidio Ceste, il marito Michele Buoniconti ha invitato una giornalista di Giallo a casa: sui muri neanche una foto della moglie

Non ci sono stati solo sms tra Michele Buoniconti, in carcere accusato dell'omicidio della moglie Elena Ceste, e una giornalista del settimanale Giallo. I due si sono anche visti, e le scene ambigue a cui ha assistito la giornalista sono riportate sulla sua rivista. Tutto è cominciato con alcuni messaggini come: "Ciao sei bellissima, hai capito chi sono?". La cronista poi ha scritto: “Da qualche tempo Michele aveva iniziato a mandarmi messaggini molto ambigui tentando più volte un approccio con me. Sei bellissima mi scriveva a tarda ora - continua lei - usando addirittura il telefono del figlio. Una volta Michele mi disse: 'È il compleanno di mio figlio, vuoi venire?' Così mi presentai, Michele e i figli avevano già preparato il pranzo di compleanno. Sono entrata in cucina e quando aprii il frigorifero mi ritrovai di fronte a un’immagine terribile: all'interno, appese una di fianco all'altra, c’erano delle galline già spennate”. Superato lo chock, siedono a tavola: “Durante il pranzo Michele non mancò di mettere tutti in imbarazzo. A un certo punto mi chiese di che segno zodiacale fossi. Scorpione dissi. E lui, pensando di fare una battuta ha esclamato: avete sentito bambini? Proprio come la mamma!". Quell'invito per la giornalista è stata l'occasione per conoscere più da vicino la casa dove abitava anche Elena Ceste, e proprio nel corso della visita è emerso un dettaglio che l'ha lasciata perplessa: "Durante quella giornata riuscii a vedere tutte le stanze di casa Buoninconti. Un particolare mi colpì molto: non c’era nemmeno una foto di Elena”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gios78

    24 Febbraio 2015 - 14:02

    Ancora una cosa: in condizioni normali, se tua moglie sparisce non è normale fare la corte ad altre donne. Ma se scopri che la suddetta ha avuto relazioni con altri uomini, perché tante cautele? Lo trovo un comportamento inappropriato ma comprensibile, specie se sai di essere innocente.

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    24 Febbraio 2015 - 14:02

    La signora è una sofisticata giornalista di città e non sa niente della vita campagnola. Entrasse nella cella frigo di una macelleria che direbbe? Quanto alle foto, è strano che un marito pluricornuto - questo dicono i giornalisti che indagano al posto dei magistrati- non voglia avere immagini della donna che l'ha ripetutamente tradito?

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    24 Febbraio 2015 - 13:01

    è chiaro che la giornalista di Giallo è andata a casa di Michele al solo scopo di metterlo ancor di più in cattiva luce, non ancora soddisfatto delle menzogne contro Michele che continuamente pubblica sul giornale da essere querelato all'istante. Dunque per la giornalista Michele è cattivo, quindi ha ucciso Elena perché ha 2 galline spennate nel frigo, non ha foto di Elena sui muri di casa e.....

    Report

    Rispondi

  • rovera

    24 Febbraio 2015 - 13:01

    Due galline spennate nel FRIGO: ORRORE! Che immagine terribile. Già da quello avrà presunto che era il marito l'assassino. Triplice omicidio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog