Cerca

Lunedì l'audizione

Caso Moro, la Commissione chiama il confessore del presidente della Dc: "Con Bergoglio ora può parlare tranquillamente"

Caso Moro, la Commissione chiama il confessore del presidente della Dc: "Con Bergoglio ora può parlare tranquillamente"

Il caso Moro è un "cold case" da risolvere. E' per questo che la Commissione parlamentare d'inchiesta sul rapimento e sulla morte del presidente della Dc, dopo il sopralluogo del Ris a Via Fani, domenica scorsa con la scientifica che ha messo a disposizione gli ultimi strumenti per analizzare la scena del crimine, si appresta a sentire lunedì prossimo l’Arcivescovo Antonello Mennini, ex confessore di Moro e ora Nunzio apostolico vaticano in Gran Bretagna. Il preste entrò, secondo quanto raccontò Francesco Cossiga, nel covo delle Brigate Rosse per parlare con Moro, fece da "postino e poi dopo il delitto immediatamente allontanato dall'Italia. 

L'aiuto del Vaticano - "C’è un nuovo clima, l’audizione di don Mennini può permettere un contributo importante per sapere cosa è successo durante il rapimento di Moro, ha spiegato Giuseppe Fioroni, presidente della Commissione bicamerale. Il prelato, finora, ha avuto un ruolo defilato, fuori dall’Italia sin dai mesi successivi al tragico epilogo del caso Moro, è stato lontano dai riflettori, tenendo un grande riserbo sulla vicenda: "Il nuovo corso di Bergoglio ha creato le giuste condizioni per un ulteriore approfondimento - spiega il presidente della Commissione - . È inoltre passato molto tempo da quei terribili cinquantacinque giorni, l’emotività di quei momenti e molti degli stessi personaggi che ne furono protagonisti sono scomparsi". Quella di Monsignor Mennini, si configura come una delle audizioni più importanti da quando si è insediata la Commissione: "Ci aspettiamo un contributo di conoscenza da parte dell’uomo che più di tutti fu spiritualmente vicino ad Aldo Moro", dice Fioroni. "Tanti i punti che potrà affrontare: il suo ruolo in quei giorni, i suoi contatti, l’impegno enorme di Paolo VI ad avviare una trattativa per restituire Moro vivo al Paese e alla sua famiglia e perché questo tentativo non andò in porto".

I costi - A proposito di ricostruzione della verità, dopo il sopralluogo del Ris a Via Fani, la scorsa domenica, si è parlato di ’Cold Casè per l’omicidio Moro. "Penso che possiamo stabilire alcuni punti fermi - sottolinea Fioroni - questo è il nostro obiettivo, il nostro impegno. Non so perché gli scettici non vogliano considerare l’importanza di un passaggio di questo tipo. Usare i nuovi strumenti e stabilire da che parte furono sparati i colpi che annientarono la scorta e colpirono anche il motorino dell’ingegner Alessandro Marini, per caso di passaggio in quella strada, davvero può sembrare una sciocchezza? Non ci pare". "Lo studio balistico dei bossoli rintracciati per dare una risposta alle segnalazioni presenti nelle carte giudiziarie - allora non si avevano strumenti tecnici per dipanare la questione - è una sciocchezza? A noi pare proprio di no", continua Fioroni. "Capire se ci sia stato il tamponamento tra la macchina di Moro e quella delle Br guidata da Moretti, i soggetti e le auto presenti in via Fani, la moto e i suoi passeggeri, ci può liberare dalle dietrologie e può tranquillizzare tutti". "Non ultimo: sia ben chiaro che le spese sono assai minori del costo che il Paese pagherebbe non conoscendo la verità", dice ancora il presidente della Commissione bicamerale, rispondendo alle critiche di chi ha parlato di inutile spesa di soldi pubblici.

Il contributo degli ex brigadisti - Nei piani della Commissione, oltre alla audizione di don Mennini e all’apporto delle nuove tecnologie investigative, anche l’auspicio di un contributo da parte dei brigatisti. "Non ipotizzo nulla - dice Fioroni, rispondendo a una domanda su eventuali collaborazioni di ex Br che ebbero un ruolo nella vicenda Moro -. Spero che molti tra coloro che sanno o che nell’immediatezza dei fatti hanno dato ricostruzioni lacunose avvertano il dovere e la voglia di collaborare. Noi li sollecitiamo a farlo come contributo civile alla ricostruzione della verità". "La nostra volontà è ricostruire i fatti con dati oggettivi che ci facciano avvicinare il più possibile alla verità", spiega ancora il deputato del Pd, parlando dell’impegno assunto con la Commissione istituita lo scorso settembre. "Sono passati trentasette anni e questo in parte non aiuta la ricostruzione dei fatti ma, al tempo stesso - conclude Fioroni - , è un punto di forza perché possiamo contare su tante professionalità di alto valore che ci aiuteranno a rileggere ogni passaggio, dall’agguato fino a via Caetani, illuminati solo dal faro della conoscenza e della verità di cui non avremo mai paura perché è l’unica che renda libero e maturo un Paese democratico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Garrotato

    27 Febbraio 2015 - 17:05

    Fioroni, si occupi di cose più serie, o se proprio non lo può fare, si dia alla pesca subacquea. Moro l'hanno assassinato le BR con la complicità e per la convenienza di servizi segreti stranieri, e riesumare la vicenda non porterà da nessuna parte, nessuno pagherà per il delitto e l'unico effetto sarà il solito inconcludente polverone mediatico. Siete una banda di perdigiorno, Fioroni.

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    27 Febbraio 2015 - 16:04

    furono i russi KGB e gli americani CIA di comune accordo a far fuori Moro perché il "compromesso storico" era dannoso per entrambi.

    Report

    Rispondi

  • accanove

    27 Febbraio 2015 - 14:02

    Con un seduta spiritica si fa prima, fatevi aiutare da quel coglione politico che la fece all'epoca.

    Report

    Rispondi

    • Happy1937

      27 Febbraio 2015 - 17:05

      Questa sarebbe la migliore delle soluzioni, tanto più che il medium, avendo fallito il Quirinale, ha molto tempo libero a disposizione.

      Report

      Rispondi

  • pasquineddu

    27 Febbraio 2015 - 14:02

    alla magis-trattura di regime non piace più la sua verità processuale, allora va 'aggiustata' come aggiustizia comanda. Si sono accorti di quello che tutti sapevano trent'anni fa, i servizi erano coinvolti, e gira che ti scavi finiranno dentro i meandri della massonerie mondiali e tireranno in ballo qualcuno della bilderberg? Ma Prodi con le sue risibili sedute spiritike? Già - quella è verità!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog