Cerca

Sessanta pagine online

Isis, primo documento nella nostra lingua: "Italiani, venite nel califfato"

13
Isis, primo documento nella nostra lingua: "Italiani, venite nel califfato"

È il primo scritto dell'Isis in italiano ed è firmato da "Il vostro fratello in Allah, Mehdi". Un testo online di 60 pagine intitolato "Lo Stato islamico, una realtà che ti vorrebbe comunicare" nel quale  con un italiano preciso, Mehdi sembra dialogare con il lettore e lo invita a non credere ai media occidentali definiti "gli accusatori" e provare a sentire anche la voce degli accusati, ovvero gli uomini dello Stato islamico: "Maometto ordinò di ascoltare l'accusato allo stesso modo di come si è ascoltato l'accusatore, ai giorni nostri invece, la maggior parte dei musulmani ha giudicato l'entità dello Stato islamico prestando attenzione solo agli accusatori, leggendo decine di articoli e ascoltando centinaia di notizie accusanti lo Stato islamico, contemporaneamente però, ignorando totalmente qualsiasi tentativo di difesa da parte delle organizzazioni mediatiche del Dawla al-Islamiya".

Il documento riporta anche la visione che gli uomini dello Stato islamico hanno del mondo: "L'umanità è divisa in due e due soli campi: un campo di Imam esente da ipocrisia e un campo di miscredenza esente da Imam". Il bene, inutile dirlo, si trova all'interno dei territori dello Stato islamico. Da cui l'appello rivolto in italiano agli italiani: "Accorri al supporto del Califfato islamico!". E ancora: "Accorrete oh musulmani, questo con il permesso di Allah è il Califfato islamico che conquisterà Costantinopoli e Roma come Maometto profetizzò. Che Allah faccia realizzare tutto ciò".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    01 Marzo 2015 - 14:02

    "un campo di Imam esente da ipocrisia e un campo di miscredenza esente da Imam" il resto?SCORREGGIONI.

    Report

    Rispondi

  • remare2006

    01 Marzo 2015 - 13:01

    Ma andate tutti a cagare.

    Report

    Rispondi

  • BLACKMAGIC

    01 Marzo 2015 - 12:12

    2) furono utilizzati come cavie per esperimenti, poi i vivi e i morti, tutti scaraventati e seppelliti nelle fosse comuni. Alla caduta del regime nazista, gli ebrei eliminati furono circa sei milioni. Mi chiedo quando tutto questo finirà. È possibile che, l’onu, non abbia la capacità di fermare i tagliagole CAINI dell’isis, boko haram e al qaeda?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media