Cerca

Suoni da urlo

La misofonia è un disturbo sofferto dal 20% delle persone: non sopportare i rumori potrebbe essere pericoloso

La misofonia è un disturbo sofferto dal 20% delle persone: non sopportare i rumori potrebbe essere pericoloso

La masticazione rumorosa, il ticchettio delle dita sul tavolo e rumori analoghi possono essere pericolosi. Per chi soffre di misofonia il fastidio di certi suoni potrebbe scatenare l'ira. Non si tratta di intolleranze del carattere, bensì di un disturbo del sistema nervoso centrale che induce ad avere delle reazioni molto forti. Purtroppo però, questo problema, è considerato troppo lieve per poter essere studiato dalla medicina, e per questo, i misofobi si sono riuniti in un'unica piattaforma web, misophonia.com. Il New York Times è rimasto colpito da questo particolare disturbo tanto da dedicargli un servizio.

Gli studi - Una delle rare ricerche condotte nel 2013 dalle università di Amsterdam e della California, ha spiegato alcuni tratti fondamentali della misofania: il disturbo si manifesta intorno ai 13 o 14 anni, come la maggior parte dei disordini psichiatrici. Nel disturbo viene stabilita una connessione tra un suono naturale e un'avversione il più delle volte violenta. Le persone che soffrono questo problema spiegano che spesso provano dolore. Non riescono a mangiare in compagnia, dormire con altre persone, lavorare in uffici. La misofonia ha una forte componente genetica e spesso è scatenata da persone determinate. Questo disturbo, infatti, ha a che fare con il senso del controllo, la rigidità e con gli atteggiamenti ossessivi-compulsivi.

Numeri inaspettati - Secondo uno studio dell'università della Florida del Sud i misofobi raggiungerebbero il 20% della popolazione totale. Individui per il resto normali, senza disturbi dell'udito. Sono loro i primi ad accorgersi di avere reazioni di rabbia estremamente eccessive, e per primi sentono il bisogno di cercare altre persone con lo stesso problema per trovare supporto. Il professore di medicina Barron Lerner, nell'articolo del New York, scrive: "mi è capitato perfino di avere di fronte pazienti che esacerbavano la mia misofonia. Gli sbadigli erano una tortura particolare, ma arrivavano a sentire perfino il rumore della saliva delle persone che parlavano di fronte a me".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog