Cerca

Il sospettato

Massimo Bossetti, ecco l'intercettazione che lo incastra (forse) definitivamente

Massimo Bossetti, ecco l'intercettazione che lo incastra (forse) definitivamente

Di seguito, l'intercettazione che aggrava la posizione di Massimo Bossetti: il colloquio è stato registrato nel corso di una visita in carcere di sua moglie. Clicca qui per leggere l'articolo integrale.

Bossetti: "L’ho sempre detto anche al pm. Diamo il caso che sia stato io, come voi dite, come avrei potuto fare a fermarmi davanti alla palestra o per casa sua".

La moglie: "L’hai convinta a salire dicono".

Bossetti: "Come se la conoscevo, a sto punto. Poi un’altra cosa, una ragazza si divincola, giusto? Poi gli ho detto, anche se dovessi essere stato io a rincorrerla in un campo, diciamo che in quel periodo lì pioveva, o nevicava, ti ricordi?".

La moglie: "Quella sera lì no, però".

Bossetti: "Però il campo era bagnato, la terra impalciata e tutto, se corri in un campo, è facile che le scarpe si perdano".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi0000

    05 Marzo 2015 - 10:10

    I concorsi per accedere alla PA sono normalmente pilotati, con vincitori già designati dal solito raccomandante. Non prevale quindi la capacità e l'intelligenza, ma semplicemente l'amicizia di qualcuno. Manco farlo apposta, la stragrande maggioranza dei pubblici dipendenti è meridionale, ove è dimostrato che l'istruzione sia almeno discutibile ed il pezzo di carta sia comprato. SECESSIONE.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    05 Marzo 2015 - 08:08

    Ma sarebbero QUESTE le prove esibite dagli inquirenti? Parole? Non basterebbe pensare che un campo, in assenza di vento forte. rimane bagnato o umido a lungo specie di sera e di notte, dopo una pioggia o una nevicata? Bisogna far cambiare mestiere a sta gente che ha preso il diploma o la laurea a Bitonto. Cioè al Sudde.

    Report

    Rispondi

blog