Cerca

La sentenza

La sentenza della Cassazione sulla multa dopo l'alcoltest

La sentenza della Cassazione sulla multa dopo l'alcoltest

Una buona notizia per gli automobilisti. Arriva dalla Corte di Cassazione e riguarda le multe ricevute dopo l'alcoltest. Se l'agente non avverte l'interessato della facoltà di farsi assistere dal difensore prima dell'effettuazione dell'alcoltest e non lo indica nel verbale, la contestazione è nulla.  Lo hanno stabilito le sezioni unite della Corte di Cassazione. A rivolgersi ai giudici con l'ermellino è stato un automobilista che era stato condannato con decreto penale per guida alterato dall'alcol. Quest'ultimo ha proposto opposizione al tribunale evidenziando che, al momento del controllo sulla strada con l' etilometro, non lo hanno informato della facoltà di farsi assistere da un legale. La Corte ha ribaltato anche il principio secondo cui l'automobilista avrebbe dovuto sollevare l'eccezione immediatamente e ha stabilito che l'automobilista ha tempo fino alla sentenza di primo grado per presentare il ricorso.

La sentenza -  «L’automobilista non poteva sapere di aver diritto all’assistenza legale contro l’alcoltest, che rientra tra gli accertamenti urgenti e irripetibili su luoghi, cose e persone. L’indagato o imputato - continua la Suprema Corte - non ha o si presume che non abbia le conoscenze tecniche legali per apprezzare che l’atto o il mancato atto non sia rispettoso delle regole processuali e, per di più, che egli debba attivarsi per eccepire ciò entro determinati termini a pena decadenza». Il guidatore in stato di ebbrezza è equiparato dalla Cassazione sin dal primo momento a un indagato qualsiasi, e ha diritto immediatamente alla difesa tecnica.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mfront29

    17 Marzo 2015 - 22:10

    "...il guidatore é equiparato ad un indagato qualsiasi" dicono i giudici...Ma stiamo scherzando? Tu ubriaco in strada non ci puoi andare, se ti becco ti multo e ti tolgo la patente perché metti a repentaglio la incolumilità tua e di altri che non c'entrano niente. Non sei ubriaco? Arrivederi e grazie. Ben vengano i controlli, ma queste leggi chi le fa in questo benedeto paese? Booooo

    Report

    Rispondi

  • beppe53

    06 Marzo 2015 - 12:12

    Sono d'accordo per l'abolizione dell'assistenza legale, ma non sono d'accordo con il principio della legge che mette una soglia illegale alcoltest talmente bassa che diventa ridicola. Esci dal ristorante e hai bevuto due bicchieri di vino , un caffè seguito da un amaro o un limoncino e sei fregato!!!! A me, come alla maggioranza delle persone che stanno in questi limiti, non provoca ebrezza!!!!!

    Report

    Rispondi

  • eezio51

    06 Marzo 2015 - 11:11

    sara' stato pizziccato qualche figlio di avvocato giudice o politico, e allora sanno, per il loro patacca, la strada che li salva.................affanculo, se sei pieno vai in taxi o fai autostop PUNTO e quando sei pieno..............te ne rendi conto e allora sei un coglione se guidi.

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    06 Marzo 2015 - 11:11

    Alcolisti non anonimi bevete pure e poi salite in macchina. "Libero" vi spiega come evitare rogne legali.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog