Cerca

Caso Mps

Csm, Vietti: alcuni pm inseguono la notorietà

Il vicepresidente del Csm contro la Procura di Trani che avrebbe violato il principio della competenza territoriale

Michele Vietti, vicepresidente Csm

 

"Iniziative estemporanee ppiù dettate da esigenze di seguire la notorietà che da un coerente e responsabile esercizio dell'azione penale". Sono molto dure le parole del vicepresidente del Csm, Michele Vietti. Anche se non parla direttamente dei magistrati di Trani che indagano sul caso Monte dei Paschi di Siena, Vietti precisa: 'Quando diciamo che i magistrati devono ispirare la propria azione ad un rigoroso rispetto delle regole  vogliamo fare riferimento anche alle regole che riguardano una rigorosa competenza territoriale che non e' un optional ma uno dei criteri fondanti nell'esercizio della giurisdizione". A sollevare la polemica era stato il presidente del Tribunale di Milano Edmondo Bruti Liberati che aveva appunto sollevato la questione di competenza territoriale. Le "perplessità da più parti sollevate in ordine alla sovrapposizione di plurimi interventi giudiziari" sul caso Mps hanno spinto il Comitato di presidenza del Csm ad aprire una pratica sulle "eventuali modifiche della disciplina processuale di cui all’articolo 9 del codice di procedura penale".

 Il legittimo impedimento Dopo che la Corte d'appello di Milano non ha concesso all'ex premier Silvio Berlusconi il legittimo impedimento nel processo Mediaset, c'è stata una richiesta d'intervento da parte del Pdl sia al capo dello Stato sia al Csm. "Non tocca al Csm - ha specificato Vietti - entrare nel merito delle singole vicende processuali. Il comitato, che si riunirà oggi in via straordinaria, esaminerà la questione e valuterà gli episodi''

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kana_22

    04 Febbraio 2013 - 18:06

    Il Consiglio superiore della magistratura, Michele Vietti, ha annunciato: «Non tocca al Csm entrare nel merito delle singole vicende processuali. Perché allora Il Presidente si è disturbato a chiedere ai giornalisti di non occuparsi del caso MPS??? Forse Vietti dovrebbe chiedere al suo superiore se poteva dire quella frase, Probabilmente Napolitano sarà arrabbiato essere stato scavalcato. Sig. Vietti vada a domandale il permesso.

    Report

    Rispondi

  • sardapiemontese

    04 Febbraio 2013 - 18:06

    ma avete guardato bene la fotografia? e questo sarebbe il vice presidente del CSM...

    Report

    Rispondi

  • ansimo

    04 Febbraio 2013 - 17:05

    Pensavo che sarebbe meglio se si indagasse su più fronti per far emergere verità a rischio di occultamento se gestiti da singole persone. Invece devo prendere atto che non solo non piace ai vertici del CSM ma anche a molti deficienti italiani che parlano di protagonismo dei magistrati. Evidentemente ad alcuni da fastidio la verità ad altri piace la verità raccontata e non accertata. Allora, visto che stiamo in campagna elettorale, perchè non diamo il nostro voto a chi ci assicura di eliminare completamente la magistratura. Tutti a casa, Pm, giudici, Gip, Csm, bianchi, rossi, verdi, tutti a casa. La verità potremmo cercarcela da soli, magari creandocela a nostra immagine.

    Report

    Rispondi

  • achina

    04 Febbraio 2013 - 17:05

    Questo inqualificabile solo adesso si è accorto che vi sono invasioni di campo da parte dei magistrati? Ma dove ha vissuto fino ad oggi? Non avrà un'esposizione bancaria o un mutuo da coprire? A pensar male si fa peccato ma... Napolitano detta l'agenda e i giornalisti vanno fuori dalle balle! Tutto coincide.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog