Cerca

La novità

Digitale, dal prossimo giugno nasce ItaliaLogin: il Facebook dei cittadini per pagare multe e parlare con la PA

Digitale, dal prossimo giugno nasce ItaliaLogin: il Facebook dei cittadini per pagare multe e parlare con la PA

L'ultimo roboante annuncio in campo digitale del governo di Matteo Renzi parla di un enorme passo in avanti nel rapporto tra cittadini e pubblica amministrazione. Dal prossimo autunno, sarà possibile avere un account grazie al quale sbrigare ogni faccenda noiosisissima come pagare multe, essere avvertiti delle scadenze (come oggi avviene per i compleanni su Facebook), il bollo dell'auto o l'iscrizione dei figli a scuola e università.

Il progetto - Si chiamerà ItaliaLogin, progettone partorito dall'Agenzia per l'Italia Digitale e Governo sulla spinta del consigliere di Renzi per l'innovazione Paolo Barberis. A questo scopo sarà fondamentale migliorare la velocità di connessione a tutti, così come annunciato nei giorni scorsi: entro il 2020 tutta la popolazione dovrà avere una connessione di almeno 30 megabyte al secondo. Ad oggi, scrive il Corriere della Sera, il 34% degli italiani non si è mai connesso e più o meno la metà secondo il Censis lo fa almeno una volta al mese. Le infrastrutture per spingere il digitale in Italia servono come il pane, ma forse è sull'alfabetizzazione informatica che abbiamo da macinare ancora tanta strada.

La triste realtà - Per non parlare poi del caos messo in piedi dalla delirante burocrazia italica. Riporta il Corsera che solo alla presidenza del Consiglio fanno capo 240 siti e sono quasi 100mila i servizi offerti dalla pubblica amministrazione. Quelli che sembrano un po' numeri a casaccio raccontano una situazione chiara a qualunque folle si sia messo in testa di risolvere le proprie faccende con la Pa online. Tra siti fatiscenti, procedure farraginose e tutte diverse l'una dall'altra, a seconda dell'ente o nello stesso ente, ai più passa la voglia di mettersi davanti allo schermo, preferendo passare una giornata in coda per un pezzo di carta.

Quando - ItaliaLogin vuol passare per la panacea di ogni male, e si spera possa essere così. Progetti simili si trascinano dai tempi del visionario Lucio Stanca, rivitalizzati dal governo Letta e rilanciati da Renzi. Quel che è certo, stando agli annunci, è che dal prossimo giugno si potranno ottenere le credenziali (username e password) su italia.it. Telecom e Poste stanno facendo i primi test. Prima dell'unificazione con l'anagrafe unica, prevista per il 2016, sarà difficile combinare qualcosa di utile.

Giovanni Ruggiero
@juan_r

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    12 Marzo 2015 - 19:07

    Dimenticavo, già oggi i siti dell' Amministrazione pubblica funzionano malissimo in quanto se non hai un browser ben preciso, anche se il peggiore, il più pesante, l' Explorer Microsofot, non funzionano. Immaginiamoci dopo.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    12 Marzo 2015 - 18:06

    ItaliaLogin !! Ne vedremo delle belle visto che la popolazione Italiana che necessita di aver un maggior servizio dalla pubblica amministrazione sono gli anziani. Ve li vedete voi i soggetti di 95 anni con in mano un tablet ? Io veramente analizzerei lo sperpero di questo progetto tutto Renziano, ovvero una enorme "palla".

    Report

    Rispondi

blog