Cerca

L'omicida di Terni

Alfano: "Ecco perchè il marocchino era ancora in Italia"

25
Alfano: "Ecco perchè il marocchino era ancora in Italia"

E' intervenuto anche il ministro dell'Interno Angelino Alfano, nella vicenda del giovane 27enne ussiso a bottigliate a Terni da un clandestino marocchino. Assoul Amine, infatti, era stato espulso e accompagnato nel suo paese d'origine, ma poi era tornato sbarcando a Lampedusa e poi chiedendo asilo politico. Alfano ha spiegato che il marocchino era ancora in Italia "perchè ha fatto una richiesta di asilo che è stata respinta, ma ha poi presentato ricorso. E nel momento in cui si presenta ricorso non ci può essere provvedimento di espulsione in attesa del pronunciamento sul ricorso". Poi il ministro dell'Interno si è augurato "che non esca più di galera".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lallo1045

    17 Giugno 2015 - 18:06

    Alfano! All'estero se oltre i vaccini, non hai gli euri per mantenerti ti fanno girare i tacchi e ritorni a casa. Parlando come è scritto hai solo dimostrato che ca. 4 anni di governo non ti ha insegnato niente.

    Report

    Rispondi

  • armando.fontana

    16 Marzo 2015 - 17:05

    Alfano, se sei un uomo, devi solo stare zitto, dimetterti, risarcire di tasca tua la famiglia di quel povero ragazzo e andarti a nascondere.

    Report

    Rispondi

  • framan70

    15 Marzo 2015 - 16:04

    Alfano, chiediti, se sei in grado, come può un delinquente, già espulso, che rientra illegalmente in Italia, fare richiesta di asilo politico e addirittura presentare poi un ricorso. Non sarà che ci state prendendo per il c..o? Tu per primo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media