Cerca

Fondi a senso unico

Budelli, il governo aspetta ancora
intanto l'isola va all'asta
i Prof hanno i soldi solo per Mps

Il governo tecnico i soldi li spende a senso unico. Salva le banche in fallimento ma dice no a due spiccioli per un arcipelago che appartiene all'Italia

Budelli, il governo aspetta ancora
intanto l'isola va all'asta
i Prof hanno i soldi solo per Mps

Il governo dei Prof amministra i soldi in maniera un pò bizzarra. I tecnici hanno preso 3,9 miliardi di euro per pagare il salvataggio di Monte dei Paschi così ora non ha 3 milioni per comprare un arcipelago in Sardegna che fa parte del territorio nazionale. Una società milanese, attuale proprietaria dell’isola di Budelli, è fallita, e di conseguenza ha deciso di cederla per pagare i creditori. Insomma l'isola andrà all'asta. Insomma l'Italia rischia di perdere un pezzettino del suo patrimonio naturale. In qualunque Stato democratico, il governo, per una cifra irrisoria come 3,5 milioni di euro avrebbe messo mano al portafoglio per acquistare un bene territoriale come questo. Invece il ministro dell'ambiente Corrado Clini prende tempo e non sa cosa fare: "Non possiamo permettere che una ricchezza paesaggistica di valore inestimabile come l’isola di Budelli possa essere ceduta al miglior offerente e ci impegneremo a trovare una soluzione al più presto, attingendo alle migliori idee e iniziative pubbliche e private". Intanto il tempo passa e l'isola rischia di essere ceduta ancora una volta ai privati. L'immobilismo dei tecnici ha fatto infuriare anche il presidente della regione Sardegna, Cappellacci che ha chiesto allo Stato e al governo di darsi da fare per salvare qualcosa che ci appartiene. Ma i Prof sono troppo impegnati a pensare al salvataggio di Mps. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blackbird

    05 Febbraio 2013 - 14:02

    Speriamo che il governo non intervenga nell'asta, così l'isola potrà andare a qualche privato che non ci costruirà più di quanto previsto dai piani regolatori e l'isola rimarrà una meraviglia del Mediterraneo. Immaginate cosa accadrebbe se fosse pubblica: le spiagge demaniali invase da motoscafisti, immondiie sparse dappertutto, con gli scarsi controlli che lo stato può fare ogn'uno farebbe il proprio comodo imbrattando tutto. In mani private, almeno lo stato può controllare e se vi fossero infrazioni saprebbe chi sanzionare.

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    05 Febbraio 2013 - 10:10

    Una sintesi formidabile. Ci vorrebbe una bella inchiesta su questo sceriffo di Nottingham per far capire che un insulso contabile può rovinare gli italiani.

    Report

    Rispondi

  • cicillo

    05 Febbraio 2013 - 09:09

    Il governo tecnico è composto da una mandria di incapaci. In prima persona monti e a seguire tutti gli altri. Adesso monti è impelagato nella sua insulsa campagna elettorale e sicuramente l'italia perderà questo gioiello per colpa di questo cretino messo al potere da un pazzo comunista.

    Report

    Rispondi

blog