Cerca

La saga dei fedifraghi

La traditrice Lucia scrive al marito cornuto Enzo sul Corriere della Sera: "Sì, sto col tuo capo. Tu dicevi di andare a giocare a rugby ma..."

La traditrice Lucia scrive al marito cornuto Enzo sul Corriere della Sera: "Sì, sto col tuo capo. Tu dicevi di andare a giocare a rugby ma..."

"E' vero, ti ho tradito, lo ammetto". La saga di Enzo il marito cornuto e Lucia la moglie fedifraga si arricchisce di un nuovo capitolo, e anche in questo caso l'affondo arriva via Corriere della Sera con avviso a pagamento. Il dubbio che si tratti di strategia di marketing (dietro ci sarebbe Enzo Miccio e un nuovo programma sull'infedeltà su RealTime) si sta trasformando in certezza, ma allo stesso tempo la lotta tra gli ex coniugi è ormai diventata un fenomeno sociale, con tanto di pagina su Facebook

"Sì, sto con il tuo capo" - "La tua lettera non è un gesto d'amore ma il gesto disperato che fai quando capisci di aver mandato tutto all'aria con il tuo egoismo", scrive Lucia. E ancora: "Ci sono bastati 90 giorni per innamorarci e, quanto pare, solo poche righe per lasciarci. Sei diventato arrogante, ti sei messo in competizione con me con quella tua aria da manager in carriera". Alle accuse di tradirlo con amici e colleghi ("Ti sei fatta tutti", spiegava con poco garbo Enzo), la donna replica facendo sentire l'altra campana: nessuna relazione extraconiugale con il personal trainer in palestra ("Ho resistito nonostante le attenzioni che mi ha riservato, al contrario di te"), nessuna scappatella con l'avvocato in Egitto ("E' sposato, fedele e non tratta la sua compagna come una vecchia cugina"). L'unico vero tradimento è quello con "Max, il tuo capo e sono rinata". "Sono stata io a diventare egoista - confessa l'ormai ex moglie - decidendo di vivere tutto con lui da subito, prima di iniziare a discutere della separazione".

"Dicevi di andare a giocare a rugby ma..." - Insomma, non era un flirt o una crisi passeggera: "Tra me e te era tutto finito". Il finale, però, è una stilettata velenosissima: "Per te l'importante è uscirne da vittima, sbattendomi come un mostro in prima pagina". La contro-vendetta è dietro l'angolo: "Tu Enzo non sei un angioletto. Se volessi scavare nel nostro passato chissà cosa scoprirei sulle sere in cui dicevi di andare a giocare a rugby ma tornavi a casa riposato e sorridente. Pensi che non abbia riconosciuto il profumo della tua segretaria?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    14 Marzo 2015 - 18:06

    una moglie che si fa trombare da un collega o capo e' la feccia. non merita di essere neanche qualificata.

    Report

    Rispondi

  • ptonani

    14 Marzo 2015 - 14:02

    che cavolo vi siete sposati a fare se siete due puttanieri??

    Report

    Rispondi

    • milibe

      14 Marzo 2015 - 16:04

      appunto! ...e neppure un tantino intelligenti

      Report

      Rispondi

  • ljyvjhftyg

    14 Marzo 2015 - 13:01

    Si ma alla fine di tutto, sti cazzi??????

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    14 Marzo 2015 - 10:10

    Eheh che storie del cazzo ed ora spazio agli avvocati avvoltoi che si stanno già sfregando le mani ahahah

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog