Cerca

Archiguerra

Massimiliano Kuksas: "Basta ipocrisie su Renzo Piano: è figlio di ricchi e paga le tasse in Francia"

Massimiliano Kuksas: "Basta ipocrisie su Renzo Piano: è figlio di ricchi e paga le tasse in Francia"

"Bisogna salvare le periferie" dice sempre Renzo Piano, archistar e senatore a vita, che proprio a palazzo Madama aveva dichiarato un reddito annuo inferiore ai 100 mila euro. L'attaccamento alle periferie poteva essere legato alle ridotte possibilità economiche dell'archistar in cerca di un tetto, peccato che lui stesso si fosse preoccupato di chiarire che il suo patrimonio è tutto all'estero. Un furbone insomma, anzi "un ipocrita" per il collega Massimiliano Fuksas: "Bisogna però finirla con l'ipocrisia totale che c'è - ha detto a L'aria che tira su La7 - Renzo vive benissimo, è di ottima famiglia, ha potuto viaggiare, la sua vita è stata straordinaria, era figlio del più grande costruttore di Genova e ha potuto viaggiare nel mondo". Niente a che vedere con l'infanzia più complicata dell'archistar romana: "Io ero figlio di una madre che studiava filosofia e mio padre è morto quando avevo sei anni. Siamo partiti da due condizioni diverse".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mauro iacomelli

    15 Marzo 2015 - 11:11

    Qualcuno li fa poi li accoppia, certo che Fuskas è italiano in tutto e per tutto, l'altro Piano ... Piano ... prende i soldi dal Senato, pagato dai cittadini, e si dice NON paga le tasse in Italia ... il resto è noia ...

    Report

    Rispondi

  • zydeco

    14 Marzo 2015 - 20:08

    Tra Fuksas e Piano non saprei quale scegliere. Possibilmente nessuno dei due.

    Report

    Rispondi

    • Happy1937

      15 Marzo 2015 - 18:06

      Sono d'accordo, ma un ricco che non paga tasse non si nomina Senatore a Vita.

      Report

      Rispondi

  • zydeco

    14 Marzo 2015 - 20:08

    Tra Fuksas e Piano non saprei quale scegliere. Possibilmente nessuno dei due.

    Report

    Rispondi

  • francoruggieri

    14 Marzo 2015 - 19:07

    La "Nuvola" dell'EUR nei disegni di presentazione sembrava un'entità eterea che si teneva in piedi con sostegni molto sottili (da ingegnere, dentro di me facevo i complimenti al progettista) e visibile dall'esterno attraverso vetrate altrettanto eteree. Vedetelo adesso: un mammadrone sostenuto da enormi zampe, e visibile a malapena attraverso vetrate oscure e spesse. Truffatore!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog