Cerca

La riforma della tv pubblica

Altro che abolizione, il canone Rai resterà. Ecco perché...

Altro che abolizione, il canone Rai resterà. Ecco perché...

Altro che canone Rai dimezzato o addirittura abolito, come ca sbandierando Renzi nel ridisegno della tv pubblica. Chi non crede alle parole del premier è Riccardo Gallo, professore di Economia applicata all'Università La Sapienza di Roma e già vicepresidente dell'Iri. Al quotidiano economico Italia Oggi, Gallo spiega che "il piano del governo va in una direzione esattamente opposta rispetto a quella di una diminuzione o dell'abolizione del canone. Punta a riqualificare il concetto di servizio pubblico, ed è frutto di una pace politica con Mediaset che è la prima a vedere come il fumo negli occhi la diminuzione del canone. Da questa riqualificazione può derivare solo un aumento del gettito del canone e non una diminuzione"

Gallo, poi, boccia l'idea di inserire il canone Rai in bolletta elettrica, come prospettato dal governo appena qualche settimana fa: "L' idea migliore sarebbe abolirlo. Portarlo in bolletta significa invece tassare la seconda e la terza casa. Attualmente il canone è applicato al telespettatore, inserendolo nella bolletta elettrica si applicherà invece alla casa in cui sta il televisore. Se uno ha la seconda casa paga il canone due volte, se ha tre case tre volte e così via. Diventa quindi un' ulteriore tassa sulla casa".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lucas1963

    15 Marzo 2015 - 18:06

    La via di mezzo è spesso la migliore: o lo si dimezza oppure togliete la pubblicità, divenuta ormai insopportabile per un servizio pubblico (e poi, quale servizio?)

    Report

    Rispondi

  • arwen

    15 Marzo 2015 - 17:05

    Ma la domanda resta! Perchè pagare il canone? Io non guardo la RAI. Gli "show che questa decadente Tv mi propina mi danno il voltastomaco. Le così dette fiction sono ributtanti, piene di attorucoli che non dovrebbero recitare neanche in un teatrino di periferia. I Tg sono addomesticati. Le trasmissioni sono piene di amici degli amici o fanciulle compiacenti ai potenti di turno...perchè pagare?

    Report

    Rispondi

  • aldopastore

    15 Marzo 2015 - 15:03

    Dimezzassero i compensi a tutti: condittori/trici e ospiti.Altro che canone a questa monnezza.

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    15 Marzo 2015 - 10:10

    ma c-e- ancora qualcuno in Italia che crede a quello che dice pinocchio da firenze ??? se si devono essere proprio scemi o comunisti .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog