Cerca

Assi nella manica

Amanda Knox, un figlio per rallentare l'estradizione in caso di condanna

Amanda Knox

Mercoledì la Cassazione deciderà il destino di Raffaele Sollecito e Amanda Knox. Siamo all'ultima tappa del processo per l'omicidio di Perugia. E se Raffaele sarà in Italia, pronto a finire in carcere subito dopo l'eventuale sentenza di condanna, Amanda resta nella sua Seattle, dove è una sorta di star, e dove si è creata una nuova vita con un nuovo uomo e un nuovo lavoro, quello di giornalista. In caso di conferma della condanna, scatterebbe l'estradizione. Ma la Knox ha un asso nella manica: una gravidanza. "Davanti a una madre con un figlio piccolo, i funzionari americani potrebbero ritardare l'estradizione". Una circostanza che viene messa in risalto dal britannico Guardian: l'ex di Sollecito, pur di evitare la galera italiana, potrebbe ben presto "ritrovarsi incinta". Amanda è tornata negli Usa subito dopo la sentenza del 2011, quando fu assolta per l'omicidio di Mez (avvenuto il 2 novembre 2007). Ora invece la Knox rischia la conferma della condanna a 28 anni e 6 mesi. Il filgio, la Knox, potrebbe averlo con Colin Sutherland, suo prossimo marito nonché ex compagno di scuola.

Secondo voi Amanda e Raffaele...
Vota il sondaggio di Liberoquotidiano.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maiPD

    maiPD

    27 Marzo 2015 - 15:03

    gli usa non sono come l'italia , loro proteggono i loro cittadini dalle buffonate

    Report

    Rispondi

  • arwen

    23 Marzo 2015 - 10:10

    "....scatterebbe l'estradizione...". Ah,ah,ah... lo voglio proprio vedere gli Stati Uniti che rimandano la Knox in Italia dopo le buffonate processuali...Ah,ah...Spiegate alla magistratura che negli States i cittadini sonom portatori di dirirtti, nn servi della gleba e che se Obama provasse a estradare la Knox il giorno dopo i sondaggi lo distruggerebbero. Solo in Italia si vendono i concittadini!

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    23 Marzo 2015 - 09:09

    Gli Stati Uniti non manderanno mai una loro cittadina in un Paese governato dalla Mafia...

    Report

    Rispondi

  • svangsta

    22 Marzo 2015 - 21:09

    Gli Stati Uniti non estradano nessun loro cittadino sia civile che militare........quindi articolo senza senso.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog