Cerca

L'allucinante storia di un contribuente

Equitalia non paga gli interessi dei rimborsi perché non ha il software che li calcola

Equitalia non paga gli interessi dei rimborsi perché non ha il software che li calcola

Ci sono voluti 24 anni prima che un contribuente di Torino, in causa con Equitalia perché gli aveva indebitamente notificato una cartella esattoriale di alcuni milioni di lire, ottenesse il rimborso. Peccato però che la somma gli sia stata restituita, dopo quasi mezzo secolo, senza interessi. Il motivo? Sembra assurdo, ma non si è trattato di un errore umano, né di una interpretazione sbagliata della legge: Equitalia non ha un software in grado di calcolarli.
La storia, diventata una interrogazione parlamentare firmata dalla deputata Pd Silvia Fregolent, è stata raccontata oggi dal Giornale che riporta anche la risposta del governo: "L'Agenzia delle entrate, conferma che allo stato attuale non dispone ancora di un'apposita applicazione informatica che consenta il calcolo automatico degli interessi dovuto sugli importi oggetto di rimborso". Ma precisa che "gli uffici dell'Agenzia possono comunque, nelle more del completamento del processo di meccanizzazione, procedere alla loro determinazione con modalità manuale e dare disposizione all' Agente della riscossione competente affinché effettui l'erogazione del rimborso". Il sottosegretario all'Economia Enrico Zanetti, ha precisato che poi "sulla base delle informazioni acquisite presso la propria struttura periferica competente, gli interessi maturati sulle somme rimborsate al menzionato contribuente sono stati liquidati". Rimborso arrivato dopo l' interrogazione parlamentare. Una volta scoppiato il caso, insomma, l'Agenzia delle entrate ha provveduto a pagare anche gli interessi, calcolati "manualmente" su quella cartella che non avrebbe mai dovuto mandare. Per fare scattare una "cooperative compliance" alla rovescia, dove il debitore è lo Stato e non il contribuente, è dovuto intervenire il Parlamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • peppefreddi

    27 Marzo 2015 - 16:04

    Se è per queso, Equitalia ti addebita le spese per il fermo amministrativo nello stesso momento in cui ti comunica che hai trenta giorni per pagare il debito che, tra l'altro, puoi anche rateizzare.

    Report

    Rispondi

blog