Cerca

Omicidio Meredith

Delitto Perugia, il capolavoro di Giulia Bongiorno: "Sollecito è un Forrest Gump". E lo assolvono

Delitto Perugia, il capolavoro di Giulia Bongiorno: "Sollecito è un Forrest Gump". E lo assolvono

Raffaele Sollecito è "come Forrest Gump". E' un "puro che si vede coinvolto in cose di cui non si è nemmeno reso conto. Giulia Bongiorno, avvocato difensore di Sollecito nel processo per l'omicidio di Meredith Kercher assassinata a Perugia nel 2007, ha usato questo paragone per chiedere ai giudici della quinta sezione penale della Cassazione di annullare la condanna a 25 anni inflitta a Raffaele dalla Corte di Assise d'Appello di Firenze il 30 gennaio 2014. Obiettivo centrato: Sollecito e Amanda Knox sono stati assolti, senza rinvio in Appello. Un caso giudiziario che passerà alla storia come l'ennesimo capolavoro della Bongiorno.

Secondo voi la Cassazione condannerà Raffaele e Amanda? Vota il sondaggio

L'arringa - La Bongiorno ha sottolineato che Sollecito "non ha mai depistato le indagini. Ha preso a spallate la porta della stanza dove c'era Meredith e durante l'aggressione stava vedendo i cartoni animati". Inoltre, sul luogo del delitto è stato raccolto materiale probatorio riferibile solo a Rudy Guede, l'ivoriano che sta scontando una condanna definitiva per l'omicidio in concorso di Meredith a 16 anni. Secondo l'avvocato di Sollecito siamo davanti a un "processo che, è vero, non ha certezze ma comunque vada il coltello non è l'arma del delitto". Su quel che lei definisce "il tema cruciale, vale a dire gli indizi a carico di Sollecito", Bongiorno ha fatto notare che la sentenza di condanna "ammette che non c'è la prova certa di attribuzione del dna di Sollecito nemmeno sul gancetto del reggiseno di Meredith".

La prova - La difesa di Raffaele dice chiaramente che "se una prova genetica non è valida per la scienza, quella prova genetica va cestinata perché o il dna è di Sollecito o non lo è. Il forse nella scienza non esiste". Infine la Bongiorno punta il dito contro quello che lei definisce il "metodo sospettocentrico" nei confronti di Sollecito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • conuzzo

    conuzzo

    30 Marzo 2015 - 05:05

    ha vinto perche l'America non poteva subire l'affronto della richiesta di una estradizione

    Report

    Rispondi

  • nunzionacci

    29 Marzo 2015 - 23:11

    l'esito di questo processo è conseguente alla istruttoria pedestre dei magistrati inquirenti di perugia. punto. se in italia le sentenze di assoluzione fossero inappellabili da parte dei pm molte di queste stronzate finirebbero

    Report

    Rispondi

  • cacioppo

    29 Marzo 2015 - 21:09

    Come al solito è chiaro come l'italia sia sottomessa sia economicamente sia militarmente agli stati uniti d'america, che esattamente come in altri casi, dal militare dell'aviazione che ha tranciato i cavi della funivia del Cermis provocando 26 morti, passando al posto di blocco in Iraq dove un militare della stessa nazione, ha sparato, provocando la morte di Nicola Callipari, dimostrano l'evidenza

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    29 Marzo 2015 - 17:05

    un capolavoro per modo dire. E' vero che Sollecito non ha ucciso lui Meredith, ma non si capisce perché poi vengono assolti tutti e due. E' vero che Sollecito è stato così stupito da coprire Amanda e rimanerne coinvolto pure lui, ma perché questo non è emerso nella sentenza. Il capolavoro sarebbe riuscito se la Bongiorno nella sua arringa avesse separato i due ruoli di Amanda e Sollecito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog