Cerca

Tranelli virtuali

Genova, sei studenti chattano con Britney Spears e si masturbano, poi la scoperta: truffati e ricattati

Genova, sei studenti chattano con Britney Spears e si masturbano, poi la scoperta: truffati e ricattati

Sei ragazzi genovesi hanno capito che qualcosa non andava per il verso giusto quando Britney Spears, con la quale chattavano da tempo e per la quale si erano anche masturbati in webcam, ha iniziato a ricattarli chiedendo loro soldi per non divulgare quei video compromettenti. Naturalmente si trattava di una truffa bella e buona, perché chi li ha adescati in chat su Facebook, convincendoli poi a spostarsi su Skype, non era certo la famosissima popstar americana ma una pur avvenente e sensuale biondona collegata ad un server in Costa d'Avorio. A ciascuno degli studenti coinvolti ha chiesto 500 euro. Qualcuno ha pagato, poi è scattata la denuncia alla Polizia e alla Procura di Genova per minacce ed estorsione ignoti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RaidenB

    30 Marzo 2015 - 13:01

    Ma io mi domando, come si possa pensare che Britney Spears chieda a studenti italiani di masturbarsi in webcam. Certo che questi studenti dovevano proprio essere dei geni...

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    30 Marzo 2015 - 11:11

    Eheheh... I sei studenti devono essere i più furbi della valle, come si suol dire.

    Report

    Rispondi

blog