Cerca

La legge sulla PA

La riforma degli statali: carriere, concorsi e stipendi, ecco cosa cambia

La riforma degli statali: carriere, concorsi e stipendi,  ecco cosa cambia

Gli statali saranno licenziabili e avranno un tetto allo stipendio. Se ne era parlato tanto, ma la riforma del lavoro pubblico sta per prendere forma. Domani la Commissione Affari costituzionali del Senato deve sciogliere gli ultimi nodi della delega sulla Pubblica amministrazione. Per quanto riguarda la dirigenza pubblica, la strada sembra già tracciata: si entrerà dopo un corso-concorso o dopo un concorso pubblico. Nel primo caso si accede quindi agli uffici pubblici come funzionari, poi dopo quattro anni e dopo un esame si potrà diventare dirigenti. Chi entra dopo un concorso sarà assunto a tempo determinato e, dopo tre anni, potrà sostenere un esame e se lo si supera il contratto sarà trasformato a tempo indeterminato.  Ci sarà un unico ruolo dove finiranno tutti i dirigenti, quelli dei ministeri, Fisco, Inps, Istat, enti di ricerca. Di fatto dunque verranno eliminate le assunzioni dirette e i dirigenti dovranno comunque sostenere un test e un concorso per accedere alla Pa nei ruoli dirigenziali. 

La Commissione ad hoc - Secondo il ministro Marianna Madia  i dirigenti saranno della Repubblica e non proprietà privata delle singole amministrazioni. Si potrà, anzi  si dovrà, passare da un' amministrazione all' altra. Sarà istituita - come ricorda il Messaggero - una Commissione per la dirigenza statale, un organismo indipendente che vigilerà sulla correttezza del conferimento degli incarichi ma che detterà anche dei criteri generali alle singole amministrazioni da seguire quando vengono selezionati i dirigenti. 


Salari e premi - Ogni tre anni i dirigenti dovranno ruotare nei loro incarichi. La loro carriera sarà legata alla loro valutazione. Chi non riuscirà ad ottenere un incarico continuerà a percepire solo la parte fissa del suo stipendio. Dopo un certo numero di anni senza incarico (potrebbero essere tra 3 e 5) il rapporto di lavoro potrà essere sciolto. Per quanto riguarda poi la retribuzione: la riforma prevede la "definizione di limiti assoluti del trattamento economico complessivo". I dirigenti non potranno guadagnare più di una determinata cifra. Attualmente vige il tetto dei 240mila euro annua ma è possibile che i nuovi tetti saranno più bassi. Lo scopo è quello di recuperare dai tagli dei mega-stipendi circa 500milioni di eruo.  Molto cambierà anche per la struttura della retribuzione. Basta con i premi a pioggia.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francori2012

    24 Luglio 2015 - 16:04

    Mio suocero,ex carabiniere e persona per bene,diceva:Il pane dello Stato è duro,ma sicuro.Ora non è più così.Gli statali in media,guadagnano più dei privati e pagano meno contributi.E' una cuccagna.Un vero statista,(Dov'è?) deve "Disincentivare"lo Stipendificio pubblico.Cosa vogliono?Il posto sicuro e guadagnare più degli altri che li mantengono? Basta! Francori2012

    Report

    Rispondi

  • VERNE

    25 Giugno 2015 - 11:11

    La casta dei dipendenti pubblici è intoccabile ed è dimostrabile in quanto si parla solo dei funzionari e non di tutto l'apparato. Molti uffici tecnici comunali sono attualmente in sovrannumero come dipendenti a seguito del calo delle pratiche edilizie. In una azienda privata il calo del lavoro implica una diminuzione di personale; fatto che non accadrà mai nella pubblica amministrazione.

    Report

    Rispondi

  • annyrossi

    31 Marzo 2015 - 08:08

    il mio commento è stato censurato? perché non si pubblica forse è troppo veritiero?

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    31 Marzo 2015 - 08:08

    questo e' un grande passo avanti, ma ci credero' quando vedro' la legge. Se la Madia ci riesce allora le faro' un monumento: brava, avanti cosi'. Io voto Forza Italia ma mi inchino a un lavoro ben fatto. Non me ne frega niente delle sottigliezze: questo e' un grande passo avanti e basta. Finalmente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog