Cerca

Il rapporto

Jihad, l'allarme sulle carceri italiane: 53 detenuti filo-Isis potenziali terroristi

Jihad, l'allarme sulle carceri italiane: 53 detenuti filo-Isis potenziali terroristi

Dalla fine di dicembre sono ci sono stati 26 casi sospetti di espulsione di sospetti jihadisti dall'Italia. L'ultimo e più clamoroso è quello di Khalil Jarraya. Il 46enne tunisino, detto il "colonnello" per i trascorsi di combattente nelle milizie bosniache dei "mujihaddin" durante la guerra nella ex Jugoslavia, ha chiesto di essere espulso, scegliendo questa come soluzione alternativa al residuo di pena che stava scontando al carcere di Rossano per terrorismo internazionale. A metà febbraio, quindi, è stato accompagnato alla frontiera per essere consegnato alle autorità tunisine. Nel 2007 era stato arrestato per essere a capo di una cellula jihadista, scoperta dalla Digos.

Le indagini - Si stanno svolgendo da tempo degli accertamenti nei carceri che controllano i detenuti provenienti al Medio Oriente. Soprattutto dal 7 gennaio, il giorno stesso della strage nella redazione del settimanale Charlie Hebdo, in quanto sembra che diversi detenuti di fede islamica avrebbe inneggiato all'accaduto. Da quel giorno il Nic, il Nucleo investigativo centrale, ha iniziato un monitoraggio su 53 detenuti di cui 12 stanno scontando pene per reati di terrorismo internazionale. Questi 12 carcerati si trovavo nel carcere di Rossano, dove si trovava Jarraya. Per loro è iniziato un controllo serratissimo delle comunicazioni e della corrispondenza. Per quindici soltanto "attenzionati", invece, il Nic segnala al Comitato di analisi strategica antiterrorismo ciò che può apparire sospetto, come ad esempio articoli di giornali o scritte inneggianti l' Isis.

Quanti sono - La situazione è delicata, soprattutto se si pensa che su 53mila detenuti in Italia, circa 10mila sono di fede islamica, e la maggior parte di loro praticanti. Anche su questo il ministero della Giustizia si è concentrato negli ultimi anni, per rispondere alle loro esigenza. Come ha detto il Guardasigilli Orlando: "bisogna assicurare il diritto di culto negli istituti per evitare l' effetto boomerang come Guantanamo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kelibia

    12 Aprile 2015 - 10:10

    Si può essere cosi imbecilli di rimandarli indietro? Para di si.

    Report

    Rispondi

  • mapagolio

    31 Marzo 2015 - 14:02

    Il problema che sti ignoranti pensano, per il fatto che siamo la razza umana,dovremmo essere tutti uguali,ma l'umano evolve e non tutti allo stesso ritmo,indi per cui dobbiamo difenderci o sara' troppo tardi.Testine di politici ,fate crescere l acume..........

    Report

    Rispondi

  • mapagolio

    31 Marzo 2015 - 14:02

    Applicate quello che loro applicano a noi,eliminateli,svegliatevi ....

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    30 Marzo 2015 - 18:06

    Forse dopotutto é inutile lottare...gli islamici sono giovani, forti, affamati e protetti dalla legge. Non mi é ancora del tutto chiaro il motivo per cui chi ci governa li ami tanto. So solo che siamo destinati a perdere questa guerra. Poveri noi...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog