Cerca

La legge sui reati lievi

Un giorno a rubare, menare e truffare. Senza rischiare nulla

Un giorno a rubare, menare e truffare. Senza rischiare nulla

Lo chiamano, con un chè di fragile, regime della «tenuità del fatto». È il reato di Lilliput; è il bozzolo delle cattive intenzioni ma appena appena; è il velluto normativo su cui s’appresta a scivolare il lungo processo.
Dovremmo essere lieti che sia fiorita in Gazzetta Ufficiale nel decreto legislativo 28/2015, la norma che - svicolando dalla obbligatorietà dell’azione penale per i reati minori- permetterà ai magistrati di concludere subito, senza neanche celebrarlo, ma con un’archiviazione, il processo contro chi si è macchiato di colpe «leggere». Si parla di reati cosidetti bagatellari, gravi in astratto (5 anni non sono una pena lieve) ma che non hanno comportato gravi conseguenze. Non è un’attenuante, ma un’opportunità. Almeno così sussurrano i giudici che si vedono un tantino scaricati dall’accumulo stroncante dei processi. Una volta ci si «scordava» delle indagini; o il fascicolo d’indagine veniva inghiottito misteriosamente nel mondo subatomico del sotto- faldone. Oggi, invece, si può archiviare direttamente. Certo, i reati tenui vengono ben tarati, il pm -assicurano- si produrrà in un’analisi dettagliata, intima, junghiana del colpevole. Eppoi hanno escluso i reati che provocano morte o lesioni; quelli crudeli, per motivi abietti; quelli contro i più deboli e incapaci di difendersi. Il legislatore ha perfino depennato quelli odiosi, contro gli animali. Tutto perfetto. Salvo che talora «con l’eliminazione del diritto del più forte si è introdotto il diritto del più furbo», per dirla con Schopenhauer. E quindi, lista dei reati tenui e delicati alla mano, proviamo ad immaginare cosa potrebbe accadere se un magistrato, che applica in modo robotico la legge, incontrasse un delinquente professionale di reati tenui. Di più. M’immedesimo io. E m’immagino la mia giornata-tipo da tenuatore del fatto.
Dunque. Mi alzo, e nel tepore del mattino, nudo, con la brioche in mano, finestra aperta sulla mia dirimpettaia cattolicissima e madre di cinque figli, compio atti onanistici di atletico vigore (reato di atti osceni). La vicina vede e strilla come Janet Leight sotto la doccia in Psycho; io capisco male e, filmata tutta la scena nei suoi turgidi particolari, entro nell’email della madre di famiglia, e le posto il mio video integrato di altre, acrobatiche performance pescate a caso dal web (accesso a sistema informatico e detenzione di materiale pedopornografico), pensando di farle cosa gradita. La vicina, guardando il pc mostra, all’improvviso, gli occhi liquidi e si contorce in strani gesti; io credo che non abbia ricevuto la mia goliardissima mail. Così, allegramente, sempre nudo, esco di casa. Trotterello verso la sua, oltre il pianerottolo. Le sfondo la porta (violazione di domicilio e danneggiamento); affermo, abbastanza ingenuamente di essere l’idraulico che deve sostituire il sifone del bagno (sostituzione di persona). Ma lei non mi crede, così, con stizza, le dò delle zoccola (ingiuria) e le consegno il dvd con le mie prove attoriali alla Siffredi. La signora balbetta, arranca si agita un po’ e io , per placarla, le dò una testata (violenza privata). Lei cade sul sifone (lesioni colpose) che io cerco, in realtà, davvero d’aggiustare. Ma, nella foga, mi salta l’apparato idraulico, l’acqua sgorga a catinelle e s’insinua nelle prese di corrente. E salta l’impianto elettrico dell’intero palazzo (interruzione di pubblico servizio). Ecchè non ci sono i bambini in casa, sennò senz’altro li menerei. Vabbè. Al quel punto, sospirando, rientro a casa, mi vesto e mi organizzo per andare in ufficio.
Scendo in cortile e prendo la macchina. Non è la mia, io non ho una macchina. Spacco, allora, il finestrino con un piede di porco, entro nell’auto della vicina -tanto è svenuta- . metto in moto e mi avvio verso la mia piena giornata lavorativa (furto). Dimenticavo: prima d’uscire, per incoraggiami, ho ingollato un quantitativo d’alcol che neanche Dean Martin da giovane; e se considerate che sono anche farcito della cannabis che coltivo amorevolmente sul poggiolo (commercio di sostanze alimentari nocive) il percorso stradale diventa alquanto accidentato. É il famoso sentiero della follia che porta al castello della saggezza, diceva Walt Whitman (guida in stato d’ebrezza o sotto l’effetto di droga). Naturalmente, nell’impeto della velocità, investo un paio di pedoni ; frantumo un’edicola con l’insegna di Repubblica e del Fatto; slalomo in preda a demoni antichi; e mi vado a ficcare come un siluro nella fiancata del Tram 21 di passaggio (attentato alla sicurezza dei trasporti) . La testa mi rimbomba, tutti gridano. Abbandono la macchina e tutto il resto sul selciato (omissione di soccorso). Caracollo. Già che ci sono picchio un barbone. Arrivo, fischiettando, al mio studio da dentista. La segretaria, discretissima, mi saluta, «buongiorno dottore» e, facendomi l’occhiolino mi mostra le fatture false e i falsi contratti dei miei falsi assistenti su cui lo Stato paga i contributi inesistenti (indebita percezione dei contributi dello Stato). C’è un piccolo particolare. Io non sono dottore. Mai laureato. Per la verità non sono nemmeno dentista. Anche se oramai svito e otturo denti cariati da anni, vado in automatico (esercizio abusivo della professione) . Mi dico sempre che un giorno mi scoprono.
Il giorno è oggi. Bussa la Finanza, controlla i registri, spulcia la contabilità, non ci mette neanche tanto a capire (truffa). Io m’incazzo, insulto un appuntato (ingiuria); e vengo placcato da due brigadieri (rissa. oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale). Mi arrestano. Era un tantino prevedibile. Al momento del colloquio il giudice esordisce: «Lei è incensurato, ma è un delinquente...». Lo so, annuisco. «Solo che tutti i suoi reati cadono nel nuovo regime delle tenuità del fatto. Quindi lei è libero». Come libero? «Libero, libero, ringrazi la norma e il governo Renzi». Sono un tenuatore professionale educato. Ringrazio. Una notte in galera, torno a casa e mi preparo, davanti alla finestra. Con due brioche.
N.B. Ovviamente tutto questo è pura fantasia, però...

di Francesco Specchia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlozani

    03 Aprile 2015 - 17:05

    Renzi si crede intelligente mentre è un deficiente,testa di' c..o',con le depenalizzazioni dei reati :furti,truffe nonostante le proteste della gente che non si sentono sicuri e tutelati e non possono difendersi da soli.Renzi così facendo pensa di risparmiare non dovendo fare nuove carceri, e sul personale.Chi farà più delle denunce?Lui è sicuro perchè ha la scorta e poi ciòpotrebbe fargli comodo

    Report

    Rispondi

    • allianz

      03 Aprile 2015 - 21:09

      Nessuno farà più denunce.Le persone offese andranno non più da un avvocato,ma dal capobastone camorrista o comunque mafioso il quale mette a posto tutto quanto iN 2 ORE andando a prendere l'interessato facendogli cantare l'Aida,seguita da altre Opere.

      Report

      Rispondi

  • lorenvet

    03 Aprile 2015 - 16:04

    Vedremo presto gli effetti della perversa mentalità della sinistra italiana. Non esistono reati lievi, se la percezione di chi li subisce non lo è. Millenni di patti sociali riconosciuti presso tutti i popoli se ne vanno nel dimenticatoio, ma rientreranno sotto forma di giustizia fai da te, perché a tuto c'è un limite.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    03 Aprile 2015 - 16:04

    E poi se uno si difende i nostri magistrati buonisti lo mandano in galera al posto del delinquente! Dicono loro: eccesso di difesa.

    Report

    Rispondi

blog