Cerca

La sentenza

Cassazione, se i clienti di un locale sono rumorosi il gestore può cacciarli

Cassazione, se i clienti di un locale sono rumorosi il gestore può cacciarli

I clienti del pub sono particolarmente rumorosi? Il gestore del locale, se non vuole avere guai giudiziari, ha il dovere di adottare: "I vari mezzi offerti dall’ordinamento per evitare che la frequentazione del locale da parte degli utenti sfoci in condotte contrastanti con le norme poste a tutela dell’ordine e della tranquillità pubblica". Tra le misure estreme è compresa anche la cacciata dal locale del cliente particolarmente chiassoso. Lo ha deciso la Cassazione che ribadito come il gestore di un pub o un ristorante può anche cacciare quei clienti particolarmente "facinorosi".

Le regole - La Terza sezione penale ha stilato un vero e proprio vademecum per i gestori di locali pubblici alle prese con clienti rumorosi. In base allo ius excludendi, il gestore di un locale deve intervenire perché il comportamento dei clienti non vada contro le norme sull'ordine e la tranquillità pubblica. La Cassazione è intervenuta sul caso di un pud torinese colpevole di non aver impedito sia gli schiamazzi interni al locale che quelli all'esterno. Tre persone che abitano vicino al locale hanno trascinato il gestore del pub in tribunale, riuscendo ad avere sempre ragione fino al terzo grado. Secondo la Cassazione chi gestisce il locale deve dimostrare non aver potuto esercitare il potere di controllo e deve provare di non esser stato a conoscenza degli accadimenti, fuori e dentro il locale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cane sciolto

    21 Aprile 2015 - 02:02

    Come non condividere con carpa1, solo chi ci è passato può capire quello che combinano ei guai che passano le persone che abitano nei pressi di questi locali è una cosa allucinante.

    Report

    Rispondi

  • carpa1

    06 Aprile 2015 - 16:04

    (3) Stendiamo un velo pietoso sulle movide dove, oltre ai rumori molesti, tra gli sport migliori c'è pure quello di inzozzare strade, marciapiedi e corsi d'acqua dove ci sono (navigli) e per i quali l'amministrazione pubblica, che dovrebbe garantire ordine e pulizia, è assolutamente latitante (vedi il regno di pisapirla ad esempio eclatante).

    Report

    Rispondi

  • carpa1

    06 Aprile 2015 - 16:04

    (2) In macchina dovrebbe essere tenuto un volume tale da consentire, per sicurezza propria e degli altri, di percepire i rumori provenienti dall'esterno per prevenire incidenti, e non per sollazzare tutto il circondario con ciò che ora chiamano musica ma che produce solo rumori assordanti e che rimbambiscono chi li sente (non chi li produce, perchè rimbambito lo è già per definizione).

    Report

    Rispondi

  • carpa1

    06 Aprile 2015 - 16:04

    (1) Forse qualcosa si muove contro i cretini disturbatori della quiete pubblica? L'ha ordinato il dottore che dobbiamo sottometterci alla tortura di branchi di idioti che se ne fregano sitematicamente del prossimo adottando comportamenti indecenti quali, ad esempio, quelli che in macchina tengono gli altoparlanti ad un volume tale che dovrebbe essere proibito, pena il ritiro della patente?

    Report

    Rispondi

blog