Cerca

La denuncia

Le perversioni del parroco: "Mi chiamava amore e mi chiedeva ragazzi magri e ben dotati"

Le perversioni del parroco: "Mi chiamava amore e mi chiedeva ragazzi magri e ben dotati"

"Ha cominciato a pretendere di tutto, sempre in chat dove era collegato dalla mattina sino alle quattro della notte, costantemente on line sia al computer sia con il telefonino. Mi raccontava in chat degli incontri anche di gruppo con altri preti, mi chiedeva se conoscevo giovani, giovanissimi perché voleva carne fresca, ragazzi magri e ben dotati. Mi ha fatto lasciare con la mia fidanzata, ho cominciato ad assumere tranquillanti". E' un racconto drammatico quello che Andrea Baldon, 42 anni, affida al Corriere del Mezzogiorno che per primo ha fatto uscire la notizia della sua denuncia sulle perversioni sessuali del parroco della chiesa del Santissimo Crocifisso di Taranto, sospeso dalla Curia. Andrea in una lunga intervista spiega che i loro incontri sono stati sempre virtuali via chat, skype o telefonici.

Le richieste - "Mi chiedeva sempre di venire a Taranto e una volta organizzò un incontro in una pensione di Pisa. Ma io non ci andai. Dopo mi raccontò che era stato con altri due preti a fare sesso", dice il quarantaduenne di Rovigo. "Mi chiamava amore, diceva che gli piacevo e che ero bello e un giorno mi ha confidato di essere gay e di avere frequenti rapporti omosessuali con altri preti. Inizialmente mi ero illuso di aver trovato una guida spirituale che mi potesse aiutare, anche perché in quel periodo avevo dei problemi con mio padre sempre ammalato, con il divorzio di mio fratello e con il lavoro che avevo perso". E ancora: "Ne approfittava promettendomi un posto di lavoro se mi fossi trasferito da lui".

La denuncia - Alla fine Andrea decide di dire basta: "Ero stanco", racconta a Nazareno Dinoi, "non ce la facevo più, ho pensato allora di incastrarlo filmando quello che avveniva tra noi e fotografando le nostre chat. Voleva che non facesse del male ad altri giovani per questo ho deciso di denunciarlo al Tribunale ecclesiastico". Ma anche alla Procura della Repubblica della sua città: "Mi costituirò parte civile e devolverò tutto alla Caritas diocesana di Taranto mettendo da parte solo le spese dei farmaci che ho dovuto assumere per colpa sua".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Bobbo53

    09 Aprile 2015 - 00:12

    Cattolico=Universale.Sono CristianoCattolico Apostolico Romano ,mi rendo conto di appartenere ad un'esigua minoranza che per prima ha denunciato la deriva delle istituzioni ecclesiali post Conciliare.Questi perverti sono entrati all'interno della Chiesa di Roma per operare lo scempio e la perversione a cui stiamo assistendo.Essere Cristiano e sacerdote non e'obbligatorio per nessuno.

    Report

    Rispondi

  • routier

    08 Aprile 2015 - 19:07

    Un ritornello che sento spesso: "Cristiano,sempre. Cattolico, mai" ! Ci sarà una ragione ?

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    08 Aprile 2015 - 18:06

    E i creduloni vanno anche a confessarsi da sti culattoni sai che risate che si faranno dopo ahah

    Report

    Rispondi

    • blues188

      08 Aprile 2015 - 19:07

      Già... Chissà che spanciate ti farai tu, dopo. Buona fortuna o uomo incredulo

      Report

      Rispondi

  • Gios78

    08 Aprile 2015 - 15:03

    Che schifo di merda...fa venire voglia di vomitare...d'altronde come può un uomo rinunciare al sesso e farsi prete?

    Report

    Rispondi

blog