Cerca

La strage al Tribunale

Lorenzo Claris Appiani, l'avvocato che disse no a Giardiello

Lorenzo Claris Appiani, l'avvocato che disse no a Giardiello

Lorenzo Alberto Claris Appiani all'ospedale è arrivato già morto. A sparargli a bruciapelo - con un colpe secco al torace - è stato il suo assistito Claudio Giardiello imputato per bancarotta fraudolenta, in un'aula del Palazzo di Giustizia di Milano. Lo ha ucciso perché Appiani aveva rimesso il suo incarico, non voleva più difenderlo. 

Lorenzo Appiani aveva 37 anni. Era un giovane avvocato con studio in via Verziere a Milano: suo padre è Aldo Claris Appiani, titolare dell'azienda agricola e vinicola Le Sughere all'isola d'Elba, discendente dell'antica famiglia degli Appiani, principi di Piombino e dell'Elba, sua mamma è avvocato in pensione, la sorella un magistrato. Lo zio della vittima, l'avvocato Alessandro Brambilla Pisoni arrivando al Fatebenefratelli, ha detto: "Giardiello era stato cliente di mio nipote poi aveva iniziato a combinare disastri e lui ha smesso di seguirlo. Sapevo che oggi mio nipote era in aula come testimone in una causa penale perché Giardiello era stato denunciato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog