Cerca

La butta in politica

Strage al Tribunale di Milano, Gherardo Colombo: "Un brutto clima contro la magistratura"

Strage al Tribunale di Milano, Gherardo Colombo: "Un brutto clima contro la magistratura"

Strage al tribunale di Milano: un folle a processo per bancarotta apre il fuoco e uccide quattro persone. Il gesto estremo di uno squilibrato, il gesto orribile di un pazzo. Ma sulla questione l'ex toga di Mani Pulite, Gherardo Colombo, ha un'idea ben precisa. Dopo essersi detto "frastornato e sconvolto" per quanto avvenuto a Palazzo di Giustizia, spiega che un episodio del genere è rivelatore "di un clima che c'è oggi contro la magistratura. Non dico che vi sia un collegamento, me ne guardo bene, ma certamente questa continua sottovalutazione del ruolo, di svalutazione dei magistrati, contribuisce a creare un clima. Quanto è successo - aggiunge - è terribile". Ai microfoni Sky, Colombo ha aggiunto: "Conoscevo personalmente il giudice Ciampi (una delle vittime, ndr), che si possa morire così, mentre si sta svolgendo il proprio lavoro, è assurdo". E ancora, il magistrato si è detto "molto sorpreso" dal fatto che si sia potuto portare un arma all'interno del tribunale. "E' veramente qualcosa che non riesco a spiegarmi. Sia l'entrata per il pubblico, sia quella per avvocati e magistrati sono controllate in modo rigoroso. Non so proprio spiegarmi come possa essere stata introdotto una pistola all'interno del Palazzo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    11 Aprile 2015 - 08:08

    Lacrime di coccodrillo.

    Report

    Rispondi

  • alex333al

    10 Aprile 2015 - 23:11

    se il controllo degli ingressi è rigoroso, l'arma si è materializzata per magia, ma se Giardiello fosse stato un mago non stava certo difronte ad un curatore fallimentare

    Report

    Rispondi

  • alex333al

    10 Aprile 2015 - 23:11

    naturalmente per magia

    Report

    Rispondi

  • stucchevole

    10 Aprile 2015 - 10:10

    Sono convinto che ne vedremo ancora, perchè ormai da tempo politici, magistrati,ed equitalia sono contro il popolo. Ormai in Italia chi commette reati non và in carcere,contrariamente chi è onesto deve subire le angherie delle istituzioni corrotte,ed è per questo motivo che si è costretti a farsi giustizia da soli. Nessunodi noi è capace di fare un gesto del genere,ma chissà se messi alle strette

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog