Cerca

La denuncia

Strage al Tribunale, allarme sicurezza: portinai al posto delle guardie

Strage al Tribunale, allarme sicurezza: portinai al posto delle guardie

Portieri disarmati, vigilantes al posto delle forze dell'ordine. Così si sorveglia il Palazzo di Giustizia di Milano, dove ieri mattina, un imprenditore imputato per bancarotta, Claudio Giardiello, ha ucciso quattro persone. Mario Ricci, presidente del sindacato indipendente degli agenti di polizia privata Sia-Confsal, denuncia al Tempo le falle nella sicurezza al Tribunale già segnalati con un esposto nel novembre del 2013: "Semplici portieri, senza possibilità di difendersi, sono i tutori della sicurezza di un presidio sensibile come quello in cui a dicembre del 2013 si tenne il processo relativo alle trattative Stato-Mafia che ha visto la presenza anche di Giovanni Brusca. Personale diverso dalle guardie giurate viene impiegato al controllo degli accessi con metal detector e agli altri varchi, compresi quelli riservati al personale amministrativo, agli avvocati e ai magistrati da cui si accede subordinatamente all'identificazione personale con idonei documenti di riconoscimento. Senza armi vigilano come possono anche di notte". E tutto questo, sottolinea Ricci, "in aperta violazione di legge, dal momento che il ministero dell'Interno, con il decreto Maroni, ha precisato che la vigilanza di obiettivi sensibili deve essere affidata a guardie giurate armate, qualora non vi provvedano direttamente le forze dell'ordine".

Ma quella denuncia è sempre stata ignorata. E quando Ricci ne ha chiesto conto "il sostituto procuratore mi ha risposto che era stato archiviato perché non c'era rilevanza penale ma solo rilievi amministrativi. Dentro il Tribunale fino ad oggi si è violata la legge". "Di queste vittime, adesso, chi è il responsabile?", si chiede Vincenzo Del Vicario, presidente Savip, sindacato della vigilanza privata: "Chi è deputato a fare le gare d'appalto per assegnare l' onere della sicurezza in luoghi tanto sensibili è un esperto o si pensa solo alla politica del ribasso? Dalla polizia penitenziaria il controllo è passato alle guardie giurate armate e da queste al personale OTS, operatori tecnici di sicurezza, senza neppure una pistola. D'altronde una guardia giurata costa 21 euro all'ora, un operatore tecnico 10. I portieri dovrebbero limitarsi a fare assistenza al pubblico, nient'altro".

Il risparmio però è un'arma a doppio taglio. "La sicurezza privata nei Tribunali funziona tramite appalto che viene bandito dal proprietario dell' immobile, di solito sono i Comuni", spiega Maria Cristina Urbano, presidente Assiv, Associazione italiana vigilanza: "Le gare spesso vanno al massimo ribasso e questo non facilita non dico la qualità ma la quantità delle persone che servirebbero".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    11 Aprile 2015 - 12:12

    Balle! Il problema è che il Signor Procuratore Generale consentiva a Magistrati, Avvocati e Raccomandati di entrare da varchi non correttamente sorvegliati. Sarebbe bastato che i privilegiati fossero assoggettati al fastidio dei controlli riservati a tutti gli altri mortali per impedire la strage. E la piantino di piangersi addosso con la balla della delegittimazione.

    Report

    Rispondi

  • sebadifrancesco

    10 Aprile 2015 - 17:05

    Le gare d'apalto le fanno i comuni sede del Tribunale e coprono i costi del servizio di vigilanza .Il Ministero della Giustizia dopo circa 3 anni , se ha i fondi rimborsa il 60% di quello che hanno pagato i Comuni.

    Report

    Rispondi

  • ego1

    10 Aprile 2015 - 13:01

    Adesso i magistrati che rappresentano la categoria cercano pure di strumentalizzare questa tragica vicenda. Essi ora vorrebbero addebitare la responsabilità della tragedia all'opinione pubblica, colpevole, a loro dire, di disprezzare la magistratura. Questa lamentazione è a dir poco vergognosa e spiace che anche il presidente della Repubblica si sia prestato a questo patetico "pianto".

    Report

    Rispondi

  • mala tempora currunt

    10 Aprile 2015 - 10:10

    Ormai la sicurezza in questa Italietta retta dai sinistri non esiste più! Chiunque può entrare ovunque con qualsiasi arma... Alle nostre forze o sarebbe meglio dire "debolezze " dell'ordine è rimasta solo l'arroganza! Ma ormai tutti sanno che qui ognuno, soprattutto se straniero, può commettere i delitti più atroci senza mai pagarne la colpa! Mentre i nostri politici pensano soli a pararsi il c.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog