Cerca

L'inchiesta del Giornale

Caso Boffo, prima condanna per il falso scoop di Feltri

Caso Boffo, prima condanna per il falso scoop di Feltri

Dopo cinque anni dallo scandalo è arrivata la prima condanna sul caso Boffo. Il falso scoop del Giornale allora diretto da Vittorio Feltri contro il direttore di Avvenire Dino Boffo, riporta il Corriere della Sera, era frutto delle carte passate da una "talpa" giudiziaria della Procura di Santa Maria Capua a Vetere. Il cancelliere in servizio al Casellario Giudiziario è stato condannato a due anni dal giudice Paola Lombardi per "accesso abusivo a sistema informatico" in concorso con un mandante "allo stato ignoto".

Fu lui a  estrarre illegalmente il 12 marzo 2009 dalla banca dati nazionale la copia del certificato penale di Boffo, poi stampato sul quotidiano il 28 agosto 2009 con qualche cancellatura, e attestante il decreto penale di condanna a Terni di Boffo nel 2004 a 516 euro di multa per "molestie alle persone" relativa ad alcune telefonate del 2001. Feltri usò poi questi documenti per sostenere di avere "prove chiare e inequivocabili" che "Boffo è privo dei requisiti morali per fare il moralista", e "non lo affermiamo noi in base alle chiacchiere raccolte in portineria, ma il Tribunale di Terni. Ecco che cosa risulta dal casellario giudiziale (riportiamo letteralmente)". In realtà poi il Giornale parlò di Boffo come "attenzionato dalla Polizia come noto omosessuale", di "telefonate sconce", di "pedinamenti volti a intimidire" una donna "onde lasciasse libero il marito".

Boffo ha ottenuto il diritto a un risarcimento del danno. Incriminato dal pm Gregorio Scarfò, il cancelliere ha negato. Resta da scoprire chi gli abbia commissionato l'intrusione e sia poi stato l'informatore di Feltri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolino pierino

    14 Aprile 2015 - 20:08

    Boffo è come tanti se non tutti i preti e i SanPaolini fanno i buoni ma in verità sono solo fetide carogne.

    Report

    Rispondi

  • fiorgio

    14 Aprile 2015 - 19:07

    Mi associo ulabator10, per che sarebbe falso scoop? a quel tempo si sapeva cosa aveva fatto questo losco individuo, quando la macchina del fango cambia direzione, non è piacevole per lor Signori.

    Report

    Rispondi

  • ulanbator10

    14 Aprile 2015 - 17:05

    Io saro' tonto però mi pare di capire che la condanna c'è stata . Pertanto Boffo ha importunato una signora tanto da essere condannato. Scusi Boffo, perché non ce la racconta lei la storia ?. Così ci renderemo conto che sbagliavamo a pensare che , ai tempi , quando spandeva tanta m... sul comportamento di Berlusconi, non avesse i requisiti morali per farlo.

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    14 Aprile 2015 - 14:02

    Qualcuno sarebbe in grado d'indicare qualche tribunale, almeno uno, dal quale non uscirebbero notizie riservate e, soprattutto, se riguardanti esponenti del CDX? Se Berlusconi facesse come Boffo, le cause per i danni dallo stesso subiti sarebbero talmente tante, da richiedere il raddoppio dei magistrati ed i risarcimenti probabilmente raddoppierebbero i suoi capitali. Ma nessun magistrato lo sa?

    Report

    Rispondi

blog