Cerca

L'ex dirigente Sisde

La Corte di Strasburgo: illegittima la condanna di Contrada

La Corte di Strasburgo: illegittima la condanna di Contrada

La Corte europea per i diritti dell’uomo di Strasburgo ha stabilito che la condanna a 10 anni di carcere comminata nel 1996 all’ex dirigente del Sisde, Bruno Contrada, per sostegno esterno ad associazione mafiosa non fu legittima. La decisione si fonda sul fatto che il reato non era ancora previsto dall’ordinamento italiano al momento in cui si sono verificati i fatti per cui Contrada fu condannato, cioè tra il 1979 e il 1988. La Corte ha quindi stabilito che l’Italia paghi un risarcimento di 10mila euro a Contrada più le spese processuali. La Corte in una nota sottolinea che la sentenza di condanna a Contrada ha violato l’articolo 7 della Convenzione europea per i diritti umani che stabilisce che non ci può essere condanna senza che il reato sia chiaramente identificato dai codici di giustizia. Nel caso della fattispecie di reato contestata a Contrada, il concorso esterno in associazione mafiosa, la Corte nota che essa «non era sufficientemente chiara e prevedibile per Contrada ai tempi in cui si sono svolti gli eventi in questione», e quindi ha riconosciuto la violazione della Convenzione europea da parte dell’Italia, in quanto le pene non possono essere applicate in modo retroattivo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vladi.b

    14 Aprile 2015 - 19:07

    Non si meraviglino i "sigg." magistrati se gli Italiani hanno scarsa fiducia nella giustizia.-

    Report

    Rispondi

  • mauro iacomelli

    14 Aprile 2015 - 19:07

    e Marcello Dell'Utri , no ?!? ... stessa storia, stesse assenze di certezze ... si dice, si pensa ecc. ecc.

    Report

    Rispondi

  • emiliomarcora

    14 Aprile 2015 - 18:06

    poi non stupiamoci se qualcuno va in tribunale armato. E poi l'umiliazione di 10.000 euro per una vita distrutta ????

    Report

    Rispondi

  • frarossi84

    14 Aprile 2015 - 16:04

    In galeera tutti coloro che lo hanno condannato. E' ora che comincino a pagare sul serio.A casa gli incapaci sinistronzi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog