Cerca

Mare nostrum

Gruppo libico attacca la Guardia Costiera. Migrante dato in pasto agli squali

Gruppo libico attacca la Guardia Costiera. Migrante dato in pasto agli squali

Spari in mare. Un gruppo di libici avrebbe attaccato la Guardia Costiera italiana che stava soccorrendo un barcone di migranti su "Asso 21", un rimorchiatore. Il fatto risale al tardo pomeriggio di lunedì 12 aprile, in particolare, il rimorchiatore stava concludendo il trasbordo di un numero imprecisato di migranti, quando si è avvicinata una motovedetta con lampeggiante e personale in uniforme che ha iniziato a sparare in aria. Non è il primo episodio di questo tipo, ne sono avvenuti altri nelle scorse settimane da parte di un gruppo libico che da tempo si è impossessato di un mezzo della guardia costiera libica. Al momento la Guardia Costiera non ha confermato le notizie trapelate dalla stampa.

Orrore in mare - Un'altra storia da brivido ci arriva dai migranti arrivati lunedì 13 a Pozzallo dal Nordafrica. Si tratta di un uomo, morto sul barcone durante la traverasata per aver esalato vapori del carburante. Il barcone in quel momento si trovava circondato da un branco di squali da qui l'idea di gettare il suo cadavere in mare dai quali è stato dilaniato per allontanarli. La polizia ha fermato lo scafista Aboubakarma Banghoura, di 19 anni, al quale si contesta l'associazione a delinquere finalizzata all'immigrazione clandestina, ma anche la morte del migrante e l'abbandono di cadavere. Non ha voluto collaborare dichiarandosi innocente.

Continuano i morti - Save The Children ha raccolto informazioni riguardo un barcone partito dalla Libia. Dopo sole 24 ore dalla partenza è avvenuto il naufragio. Sono circa 400 i morti e tra loro molti giovani, probabilmente minori. Lo hanno affermato i superstiti arrivati a Reggio Calabria con la nave Orione. E' stato superato, inoltre il numero di profughi arrivati in Italia lo scorso anno. Un anno fa erano 20.705 oggi sono 21.122.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • etano

    15 Aprile 2015 - 10:10

    Sempre troppo pochi, gli invasori devono rimanere dove sono, se spariscono tra i flutti del mare è già un'aggressione all'eco sistema perché sono marci, malati e portatori di virus. Prendiamo esempio dalla civilissima Malta. molliamoli al loro destino tanto la maggior parte sono terroristi islamici incluse le donne e i bambini (viste le immagini dell'isis?)

    Report

    Rispondi

    • Janses68

      20 Aprile 2015 - 14:02

      Sono daccordissimo !!! W gli squali ... che sono piu' intelligenti dei nostri politici .... Eppoi davvero invadono con i loro bambini le nostre scuole e portano virus e malttie. Non li vogliamo cazzo !! Che se li prenda la chiesa e ci pensi la chiesa, anzi lo stato pontificio.

      Report

      Rispondi

  • routier

    15 Aprile 2015 - 07:07

    Non è che si voglia buttare tutto in politica ma questo evidenzia, oltre ogni dubbio, la totale incapacità del governo Renzi a gestire la cosa pubblica. E nello specifico della notizia, questa non fa che sponsorizzare l'opposizione. (Lega in particolare)

    Report

    Rispondi

  • mallardogiulio

    15 Aprile 2015 - 02:02

    Renzi-Pinotti cosa aspettate a ordinare di rispondere agli scafisti prendendoli a cannonate prima che scappa il morto,e magari avere anche la faccia di cacca di andare al funerale.Ma ho paura che rimane una chimera con questi governanti senza palle che cio succeda,Italiani state sereni.

    Report

    Rispondi

  • cabass

    14 Aprile 2015 - 22:10

    Al posto di Al Fano ci pensano i libici a fermare la guardia costiera italiana che porta i barconi in Italia... Siamo alle comiche!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog