Cerca

L'inchiesta

Loris, il legale di Veronica Panarello: "Presto una svolta"

Loris, il legale di Veronica Panarello: "Presto una svolta"

Ci potrebbe essere ancora una clamorosa svolta nel caso di Veronica Panarello, la donna in carcere ad Agrigento ia con l'accusa di aver ucciso il suo bambino di otto anni Loris Stival. Secondo quanto risulta alla trasmissione Quarto Grado, condotta di Gianluigi Nuzzi, da alcuni filmati risulterebbe che il bimbo che entra nel cancello poco dopo il rientro in casa di Veronica Panarello non sarebbe Loris in quanto sarebbe vestito in modo completamente diverso.  Ma ci sono anche altri elementi a favore della mamma accusata: l’orario della morte del piccolo coinciderebbe con quello in cui la donna si trovava al castello di Donnafugata per seguire il corso di cucina. E ancora l’auto che passa vicino al mulino vecchio dove il corpo del bambino era stato nascosto non sarebbe la Polo di Veronica, ma una Punto. 

Il sistema - A far dubitare che il bambino che entra in casa dopo che Veronica esce sia proprio Loris è soprattutto l'altezza, ha spiegato l'avvocato Francesco Villardita alla trasmissione Quarto Grado. Tramite l'uso del sofisticato sofisticato software "Amped Five", emergerebbe che la sagoma del bimbo che rientra è tutta bianca, mentre quella di Loris che esce di casa è bianca e nera. Di conseguenza si tratterebbe di bambini vestiti in modo diverso-  Dai dati ricavati dallo smartphone della donna, inoltre, non emergerebbero chat, messaggi o telefonate a presunti amanti o complici di sorta. 

Nuovo interrogatorio - Proprio alla luce di queste nuove acquisizioni, Veronica Panarello ha chiesto di essere interrogata nuovamente di pm. Lei si è sempre professata innocente. Certo è che se la tesi della difesa dovesse essere accolta, il povero piccolo potrebbe essere stato ucciso da qualcuno che è ancora in libertà in un luogo diverso dalla casa. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paco1492

    20 Aprile 2015 - 18:06

    non bastano trasmissioni tv ora anche i giornali cominciano con le patacche

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    20 Aprile 2015 - 16:04

    perche' non interrogano il presunto cacciatore che ha trovato il bambini? da una trasmissione di striscia,hanno fatto vedere e sentire un fuori onda dove si mettevano d'accordo sull'intervista e le frasi che la conduttrice televisiva doveva fare al presunto cacciatore,devi dire questo e non dire quello, troppa televisione,cosa si fa' per campare. sciacalli

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    20 Aprile 2015 - 16:04

    Quando è uscito per andare a scuola avrà avuto lo zainetto sulle spalle e che avrà lasciato sul sedile della macchina prima di rientrare in casa. lo zainetto non si è ancora ritrovato. L'avvocato fa il suo mestiere, è pagato x difendere la signora. Ma la piccola creatura chi la difende?

    Report

    Rispondi

  • marari

    20 Aprile 2015 - 14:02

    Anche ammesso che non fosse Loris il bambino che rientra a casa, come mai non è stato a scuola e non sia stato ripreso in compagnia della madre lungo il tragitto? Non può essersi volatilizzato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog