Cerca

25 Aprile

Giorgio Albertazzi: "Io, il duce, piazzale Loreto"

Giorgio Albertazzi: "Io, il duce, piazzale Loreto"

Sta per tornare il 25 aprile. E come accade tutti gli anni, torna la retorica della Liberazione. Prima sui giornali e poi sulle piazze. Uno dei quotidiani che si è portato avanti è Il Fatto Quotidiano, che dedica al 25 Aprile due pagine, una delle quali dedicata a una intervista a Giorgio Albertazzi. Che fu negli ultimi mesi della Seconda guerra mondiale tra i fascisti di Salò. E su quanto accadde in piazzale Loreto ha un giudizio sicuramente concrocorrente. "Piazzale Loreto fu solo macelleria messicana. Niente altro. Fu uno schifo, per chi l' ha voluto e chi l' ha portato a termine quel disegno. Ma non poteva essere evitato, non nel senso politico del termine, ma perché l' uomo è quella cosa lì. Un animale? Il peggiore degli animali". Lui non c'era, quel giorno a Milano: "Non ero in Italia. Io ero a combattere. Paradossalmente contro i tedeschi che erano i nostri alleati. Ma nella confusione di quei giorni ci trovammo a sparare ai tedeschi, in Austria, tra le montagne innevate. Senza più niente". La fama di fascista non me la sono mai scrollata di dosso. Andai a Salò come tanti ragazzi, convinto che lì si combattesse per l' Italia, ma con altro spirito, e soprattutto consapevole che in quel momento stavo dalla parte di chi già aveva perso". Finì due anni in carcere, per essere stato coi Repubblichini: "Come dissi in un' intervista all' Espresso nella sentenza del Tribunale militare che mi ha assolto in istruttoria dopo due anni di carcere preventivo, c' è scritto che ho messo in salvo 19 ebrei. Ma non l' ho mai raccontata questa cosa. Non mi andava. le mie responsabilità, seppur di ventenne, me le prendo tutte".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    21 Aprile 2015 - 14:02

    Pertini ? Fumava la pipa il nonnino sotto cadaveri appesi ,proprio lui che il regime ha trattato con occhio di riguardo data sua madre , leggete la storia fessi e non parlate a vanvera. Ignoranti fottuti ,documentatevi prima di parlare .

    Report

    Rispondi

  • JamesCook

    21 Aprile 2015 - 12:12

    Ignoranti cognonazzi neri che centro io con Stalin.......nel dopoguerra con il miracolo economico abbiamo stupito il mondo!! con opere pubbliche come autostrade ecc.ecc. ecc.da uomini liberi!!!lavoratori e studenti:comunisti, socialisti, democristiani! con libero VOTO! altro che retorica fascista.Siete fuori!!! Fuori!!!!! FUORI....... non ci saranno più un altro Mussolini,Stalin,Hitler..........

    Report

    Rispondi

  • JamesCook

    21 Aprile 2015 - 12:12

    Maiali mistificatori coglionazzineri. siete fuori dalla storia!!! opere pubbliche per inneggiare al Duce mentre milioni di Italiani morivano di fame...... costretti a migrare per lavoro e fame!! porci avete assassinato un vero Socialista come Giacomo Matteotti mandato al confino e in galera decine di politici tra cui un presidente partigiano di nome Sandro Pertini!! siete rozzi e ignoranti!

    Report

    Rispondi

  • marcomasiero

    21 Aprile 2015 - 12:12

    il fascismo ci ha dato un PAESE ! I partigiani lo hanno reso schiavo dello straniero, appiattito, privo di ogni ideale se non il dio euro ! Il 25 aprile è SOLO SanMarco il mio santo e del mio Battaglione, il resto è vergogna e tristezza! disse il Principe "una guerra si può vincere o perdere si può vivere o morire, importante è come" la 2^ è stata persa male tradendo chi la Patria in armi serviva!

    Report

    Rispondi

    • traiano1958

      21 Aprile 2015 - 15:03

      marcomasiero, hai tutta la mia comprensione e adesione...anch'io, da che son nato e finchè morirò, vedrò il 25 aprile com il gg di san marco.....paracadutista alpino della monte cervino...!!!!

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog