Cerca

La lite

Silvio Berlusconi, da Arcore segnali di pace con Verdini

Denis Verdini

Denis Verdini

Silvio Berlusconi adesso pare determinato a tornare in campo. Non da candidato ma come padre nobile del partito. Chi lo ha visto ad Arcore lunedì giura che è determinato a rilanciare il partito non subito ma subito dopo le Regionali in vista delle politiche. Per quanto riguarda le lacerazioni che dividono il partito con suoi due ex fedelissimi, Raffaele Fitto e Denis Verdini ormai lontani dalla linea azzurra, Berlusconi fa dei distinguo. Mentre con Fitto è apparso intransigente, con Verdini è apparso ai suoi più morbidi. Meno chiuso, meno ostile. 

I rapporti con Verdini - Tra Denis e Matteo c'è e c'è sempre stato Renzi. Verdini non gli ha mai perdonato la rottura con Renzi e l'aver buttato all'aria il Patto del Nazareno a cui lui tanto aveva lavorato. Tra di loro i rapporti non sono quelli di un tempo anche se Silvio non crede davvero che alla fine Denis intenda strappare e formare dei gruppi autonomi in Parlamento. Qualcuno ha letto dietro questa sicurezza del Cav, una morbidezza verso Denis, un segnale di fumo che potrebbe voler dire anche "pace". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francesco assumma

    21 Aprile 2015 - 11:11

    Silvio quando ti decidi a mandate tutte le persone a quel paese. Farai Il peggiore errore della tua vita a sentire Verdini e fare accordi con Renzi

    Report

    Rispondi

blog