Cerca

Ordinaria disperazione

Madre single perde il lavoro, si prostituisce per mantenere le figlia: "Vi racconto la mia prima volta"

Madre single perde il lavoro, si prostituisce per mantenere le figlia: "Vi racconto la mia prima volta"

Una madre single racconta la sua tragedia privata: da cinque mesi è costretta a prostituirsi per dar da mangiare ai suoi figli dopo aver perso il lavoro. La donna ha chiesto più volte rassicurazioni al giornalista per accertarsi di essere ripresa solo di spalle, in modo tale da rimanere nell'anonimato. Federica, nome di fantasia, è mamma di due bambine ed è sola. Dopo aver perso il lavoro anni di disoccupazione, quindi l'avviso di sfratto e la decisione: si è trovata costretta a prostituirsi per guadagnare i soldi necessari per mantenere le figlie. Nell'intervista rilasciata al Correire.it ha spiegato: "Ho provato a vedere se c’erano altri impieghi, ma non mi ha aiutato nessuno. Prima ho lavorato come donna di servizio, poi ho ottenuto un lavoro a 500 euro al mese, ma anche qui dopo poco sono stata messa alla porta". La prima volta che si è incontrata con un cliente per lei è stato drammatico e ha trovato il coraggio solo pensando a ciò che era più giusto per le sue bambine. Poi ha continuato: "Sono tutte persone selezionate, cerco di capire già dal telefono se mi posso fidare; a volte mi chiamano anche solo per avere compagnia. Non ho mai smesso di cercare un lavoro vero, mica mi piace quello che faccio, è solo necessità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rintintin

    24 Aprile 2015 - 10:10

    non sono mai stato in vita mia con una "signorina" a pagamento , ma credo che in questo caso la persona in questione sia lodevole e meritevole di tutto il rispetto del mondo. La funzione sociale di molte di queste persone che praticano questo mestiere è migliore di quella di uno psicoterapeuta. A parte le sfruttate le altre meritano considerazione per difficile scelta fatta.Brava

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    24 Aprile 2015 - 10:10

    leggere di questa madre costretta a prostituirsi mi fa ribollire di rabbia:dove cazzo sono le miriadi di associazioni buoniste e legalitarie che tanto si autoreferenziano,don ciotti che diavolo hai da dire,comune,regione,stato centrale dove cazzo siete,renzi,ti avessi tra le mani insieme a napolitano,berlusconi e monti vi frantumerei in mille pezzi

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    23 Aprile 2015 - 20:08

    almeno ha il vantaggio d'essere piacente, se fosse stata brutta e grassa non avrebbe potuto fare nemmeno quello.

    Report

    Rispondi

  • lallo1045

    23 Aprile 2015 - 19:07

    Sei un'eroina!!! Ti auguro di trovare un buon lavoro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog