Cerca

Nero su bianco

Yara Gambirasio, la testimonianza della sorella Keba: "Le piaceva un ragazzo"

Yara Gambirasio

Di lei si era parlato soltanto quando, nel 2010, fu portata da papà in questura: anche lei doveva raccontare quel che sapeva degli ultimi minuti di vita di Yara Gambirasio, e gli occhi di cronisti e curiosi non poterono fare a meno di vederla. Da quel momento - riservatissima, così come riservatissima è la famiglia - è quasi scomparsa. Lei è Keba Gambirasio, la sorella maggiore di Yara, che nel novembre 2010 aveva 15 anni. Le due erano molto legate: ogni giorno Keba prendeva il pullman insieme a Yara, il bus che le portava alla scuola media delle orsoline. Keba, il giorno prima della tragedia, era in palestra a guardare Yara, e l'insegnante di ginnastica, Daniela Rossi, avrebbe poi raccontato: "Keba si recava al palazzetto dello sport per assistere alle lezioni dei corsi di base di ginnastica ritmica, perché era sua intenzione in un prossimo futuro intraprendere la carriera di tale disciplina". E infatti, oggi, Keba è diventata istruttrice, ha realizzato il suo piccolo sogno. E fu sempre lei, quel maledetto 26 novembre, a portare Yara in palestra. E ora, dagli atti dell'inchiesta, si scopre cosa Keba aveva detto agli inquirenti a caldo, quando fu interrogata dopo la tragica scomparsa della sorella: "Condividevamo la stessa stanza, con me si confidava parecchio - spiegò -. Mi aveva detto che le piaceva un ragazzo, ma io non avevo mai notato nulla di strano". Una frase, quella di Keba, per gli inquirenti "più timida e riservata della sorella", che può significare tutto e il contrario di tutto. Una frase alla quale, però, gli inquirenti hanno tentato a lungo di dare un significato preciso. Un significato che forse verrà reso noto nel processo a Massimo Bossetti, che inizierà il prossimo 2 luglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marioangelopace

    29 Aprile 2015 - 16:04

    può succedere. diventa donna, sogna il principe e trova il lupo...spero si indaghi bene con pietà e discrezione

    Report

    Rispondi

  • vival

    29 Aprile 2015 - 16:04

    RITENTO: grande svolta epocale nelle indagini. Grande scoop giornalistico.

    Report

    Rispondi

blog