Cerca

Prodezze No Expo

Il notaio preso a uova marce perchè esponeva la bandiera italiana

Il notaio preso a uova marce perchè esponeva la bandiera italiana

Gli hanno lanciato addosso una mitragliata di uova marce e una manica di insulti, ma lui non ha fatto un plissè: impassibile, affacciato al balcone dove aveva appena esposto il Tricolore. È stata questa la sua "sfida" ai No Expo che ieri, mentre manifestavano per le vie del centro di Milano, si sono fermati sotto il suo ufficio in zona Porta Venezia e lo hanno preso di mira.

Giuseppe Parazzini, classe 1944, presidente dell' Ana (Associazione Nazionale Alpini) dal 1998 al 2004, è seduto nel suo studio di notaio. Abito blu impeccabile (fino a qualche ora prima), spilla all' occhiello, sorriso fiero, davanti alla sua scrivania ha esposto un tricolore enorme.
Pensi se avessero imbrattato questa di bandiera… «Per carità! Anche se, in effetti, mi sarei potuto affacciare sventolando questa che è molto grande...».

Scusi, ma cosa le è venuto in mente?
"Questa mattina sono passato in centro vicino alla Prefettura e ho visto i manifestanti con le loro bandiere. Così, non appena sono tornato in studio, ho pensato di esporre il Tricolore alla finestra. Ho manifestato anch' io, in un certo senso. Poi, certo, non sapevo sarebbero passati di qua, ma quando li ho sentiti mi sono affacciato".

E loro l' hanno vista e hanno iniziato a darle del fascista e a lanciarle le uova. Perché è rimasto a farsi imbrattare dalla testa ai piedi?
«Sa, nel bene e nel male Expo è una vetrina per l' Italia e io non voglio che il nostro Paese sia rappresentato soltanto da chi scende in piazza per dire no a tutto. E poi, diciamolo, ad un certo punto è diventata una sorta di sfida e mi sono detto: Vediamo dove vogliono arrivare».

Potevano spaccarle i vetri, avevano petardi e fumogeni. Non si è spaventato?
«Per quattro uova? Probabilmente, se fossi stato su un vero campo di battaglia li avrei affrontati. Ero nel servizio d' ordine contro il terrorismo altoatesino, lì sparavano sul serio. Questi qui sono quattro ragazzotti insoddisfatti e senza alcuna disciplina. Si vede che non hanno fatto il militare. Dovrebbero ripristinare la leva obbligatoria, anche per le donne, così imparerebbero cosa vuol dire far fatica nella vita».

Li denuncerà?
«Assolutamente no. Non ci sono stati danni perché ho chiuso le persiane prima che potessero distruggere qualcosa. E poi perché dar loro soddisfazione? Guardi, oggi ho proprio avuto davanti agli occhi la differenza tra gli alpini e i manifestanti come loro».

Che differenza?
«Noi alpini, quando la pensiamo in maniera diversa, discutiamo, ci affrontiamo a viso aperto. E quando siamo in tanti organizziamo cose belle, non andiamo in giro a imbrattare muri e a insultare la gente. Ripeto, bisogna ripristinare il servizio militare».

Cosa pensa dell' Expo? Non è d' accordo con i manifestanti, quindi è ottimista?
«Gli ottimisti sono pessimisti male informati. Ci vediamo al raduno degli alpini all' Aquila fra due settimane».

di Federica Venni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    13 Maggio 2015 - 11:11

    Giusto.Ripristinare il servizio militare sarebbe un buon mezzo per raddrizzare questi elementi deleteri.Ci vorrebbero almeno 24 mesi,magari con Operatività Nato...In alternativa,per quelli che vorrebbero spaccare il mondo un bel Battaglione punitivo.Li certamente i boriosi spiriti verrebbero senza ombra di dubbio cancellati.Per quelli che non la vogliono capire....Trib.Mil. e qualche anno di Gaeta

    Report

    Rispondi

  • Fernan

    Fernan

    02 Maggio 2015 - 10:10

    Grande Giuseppe Perazzini, Quei giovani vigliacchi non hanno neanche il coraggio di farsi vedere in faccia , forse di famiglia bene , non lavorano perché non hanno voglia di lavorare si divertono a spaccare tutto , devastare le cose di proprietà di persone che lavorano anche per mantenere loro, ma non hanno il coraggio di farsi vedere . Dovrebbero vergognarsi di vivere .

    Report

    Rispondi

  • layons969

    02 Maggio 2015 - 07:07

    Grande

    Report

    Rispondi

  • Lucas1963

    01 Maggio 2015 - 21:09

    L'ha fatto solo per farsi un po' di pubblicità, della bandiera italica gliene frega a lui quanto a tutti gli italiani, cioè zero.

    Report

    Rispondi

    • enricog99

      01 Maggio 2015 - 22:10

      Non dire stronzate è stato un vero italiano . Ha avuto il coraggio di affrontare un intero gruppo di manifestanti esponendo la bandiera italiana . Ma forse a voi non ve ne frega niente e non sapete neanche dove vivete . Stolti, queste sono persone che servono all'Italia e non gente che non è capace neanche di manifestare. w l'Italia w l'italiano

      Report

      Rispondi

      • huels

        04 Giugno 2015 - 12:12

        Il notaio in questione, non ha fatto nulla di sbagliato e nulla di eroico. E' rimasto a prendersi uova marce da dei delinquenti che andavano fermati subito, non certo usati per fare pubblicità al servizio militare. Invece di risolvere un problema di ordine pubblico si va a tirar fuori filosofie anacronistiche quando basterebbe applicare le leggi attuali e magari crearne di più rigorose.

        Report

        Rispondi

Mostra più commenti

blog