Cerca

La prova

Caso Loris, parla una zia del marito di Veronica Panariello: una traccia di sangue può scagionare la donna

Caso Loris, parla una zia del marito di  Veronica Panariello: una traccia di sangue può scagionare la donna

Un nuovo testimone nel caso Loris potrebbe scagionare Veronica Panariello, accusata dell'omicidio del figlio. La zia di suo marito, Antonella Stival, ha chiesto di farsi interrogare dagli investigatori ai quali ha messo in discussione diversi dettagli dei video di sorveglianza, estratto dal negozio di fronte casa di Loris. Secondo una prima analisi grafica richiesta dalla difesa, la sagoma del bambino che si vede rientrare in casa non corrisponde con quella Loris, a detta della prozia. E poi c'è l'auto, molto più simile a una Fiat Punto che alla Polo della Panariello.

La prova - L'accusa ha sempre sostenuto che il bambino fosse stato ucciso in casa dalla madre. Ma dopo la perizia della difesa è emerso che Loris ha perso sangue dal naso e questo indica che il bambino è stato trasportato ancora vivo al mulino, luogo in cui è stato trovato il corpo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Jack46

    24 Maggio 2015 - 23:11

    Tipico articolo di Libero, di contenuto zero. Adesso si sveglia la prozia e contesta analisi di professionisti...E Libero ne fa un articolo. Ma smettetela di scrivere balle!

    Report

    Rispondi

    • Joachim

      25 Maggio 2015 - 10:10

      Sono i giudici e tirare conclusioni senza senso. La vettura ad acchio nudo si vede che è una Punto. Il bimbo è morto non per strangolamento da fascietta ma per trauma al capo... Il marito che non sostiene una moglie e che è sempre in giro. Una zia che conosce meglio la donna. Dei giudici che sommatizzano conclusioni psichiche da folli..!!! infine una sorella gelosa..!!!!

      Report

      Rispondi

  • kingapache

    02 Maggio 2015 - 16:04

    Certo che ha dell'inverosimile il confondere la sagoma di una Fiat Punto con quella di una Polo e addirittura non capire la sagoma del bambino. I casi sono 2 : o Libero racconta frottole oppure per l'ennesima volta chi dovrebbe istruire l'inchiesta, la costruisce per Incapacita`.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    02 Maggio 2015 - 16:04

    Nessuna meraviglia se fosse l'ennesima incapacità professionale dei nostri esimi, inutilmente super pagati, Giudici... SIAMO ORMAI ABITUATI. Non c'è processo che si svolga in modo professionale, non c'è sentenza che non venga tacciata di Idiozia dal tribunale superiore, e NON C'E' PROPRIO GIUSTIZIA... quello a cui Non mi abituo però, è : PAGARE STIPENDI e BENEFIT a QUESTI INUTILI.

    Report

    Rispondi

  • carlooliani

    01 Maggio 2015 - 21:09

    Smettetela di fare i ridicoli e di creare romanzi e contronotizie giornalistiche dai titoli artificiosi su vicende umane tanto penose quanto evidenti quali la mamma assassina di Loris e l'assassino di Brembate, Massimo Bossetti, figlio di madre fedifraga.

    Report

    Rispondi

blog