Cerca

Genitore disperato

Parla il padre del No Expo: "Mio figlio è solo un pirla"

Parla il padre del No Expo: "Mio figlio è solo un pirla"

Dice che "quattro schiaffoni glieli avrei anche dati volentieri. Però mio figlio ha quasi 21 anni, che cosa avrei risolto così? Ci ho pensato ma mi sono trattenuto". A parlare, in una intervista al Corriere della Sera, è Vincenzo Sangermano, il padre di Mattia, il ragazzo che ieri dopo la guerriglia dei No Expo in centro a Milano aveva detto che sfasciare tutto era giusto. Salvo poi ritrattare e chiedere scusa per quella sua frase sventurata. Cos'è successo nel mezzo delle due dichiarazioni? Che Mattia è tornato a casa e i genitori gli hanno chiesto conto di quel che aveva detto. 

"Guardi che siamo una famiglia normale – puntualizza il padre, operaio in una ditta della zona -. Mio figlio non è uno sbandato. E’ semplicemente un pirla". Mattia, riporta ancora il Corriere, studia al liceo economico-sociale Cairoli di Pavia dove è stato bocciato due volte. "Bazzica i centri sociali perché ama il rap e il rock alternativo, ma se gli chiedete i motivi della manifestazione no Expo fa confusione. Si è infilato in una storia più grande di lui" spiega ancora il padre. Che poi racconta come sono andate le cose ieri: "E’ stato mio figlio minore, che ha 2 anni meno di Mattia, a mostrarmi l’intervista sul telefonino. Sono rimasto senza parole. L’ho subito cercato al cellulare. Quando è tornato a casa io e mia moglie lo abbiamo affrontato. Abbiamo litigato per ore. Ma ancora adesso non sa dare un vero perché a queste frasi assurde". E ancora: "Una delle cose che mi fa arrabbiare di più, poi, è che io sono totalmente favorevole ad Expo, è un’opportunità di lavoro per tanti. Davvero non capisco".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    09 Maggio 2015 - 08:08

    Sono mancati da parte dei genitori i sani e corposi calci in culo associati ai salutari schiaffoni.Correggere un pirla 21 enne adesso possono farlo solamente le istituzioni ripristinando la najia.Certi elementi andrebbero bene per i battaglioni punitivi.La gli rimetteno in sesto la capoccia sul serio rendendoli persone normali.

    Report

    Rispondi

  • buonavolonta

    08 Maggio 2015 - 17:05

    mio padre è morto ormai ,ma se potessi gli direi grazie dei ceffoni che mi ha dato mai con cattiveria vedevo nei suoi occhi il dispiacere e vi posso assicurare che è servito è come potare un albero alla fine cresce piu forte l'educazione è anche fatta da queste cose si capisce questo con la maturità grazie papa

    Report

    Rispondi

  • cesare46

    05 Maggio 2015 - 18:06

    Mio padre mi avrebbe fatto fare il giro di milano a calci in kulo, finiti quelli mi avrebbe gonfiato di ceffoni, e poi spazzola e detergente a pulire i muri imbrattati. Mi viene il dubbio che pure il genitore, visto le affermazioni "pirla" sia collegabile al detto: tale padre tale figlio.

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    05 Maggio 2015 - 12:12

    Ma guarda che faccia da fattone che ha suo figlio .... Compragli un paio di manette e legalo al letto sino a che non si cura !!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog