Cerca

Diario di un violento

No Expo, parla il black bloc: "Così ci siamo preparati alle violenze. La polizia poteva fare un macello, 50 arresti, ma..."

No Expo, parla il black bloc: "Così ci siamo preparati alle violenze. La polizia poteva fare un macello, 50 arresti, ma..."

Un agghiacciante, lucido "manifesto dei black bloc". Un anonimo guerrigliero svela a Repubblica, mantenendo l'anonimato, com'è andata venerdì quando lui e qualche altra centinaia di vandali hanno devastato il centro di Milano. La sua motivazione è semplice. Non è un figlio di papà, ma operaio saltuario di 26 anni, vive in provincia di Torino e guadagna se va bene 500 euro al mese. "Dormo in una casa occupata - spiega - non ho prospettive, Expo, Tav e Mose per me sono un'offesa, uno spreco di denaro in faccia alla gente che non ha un c... E io quando mi offendono divento violento". 

La tattica dei black bloc - E' un irriducibile, un "militante contro lo Stato". Tutto, venerdì, era stato organizzato a puntino, "da due mesi". I violenti black bloc si sono dati appuntamento tardi, quasi nessuno di loro è arrivato a Milano prima dell'inizio del corteo, per evitare di incappare nei blitz e nelle perquisizioni della Digos. Ha parcheggiato l'auto a poche centinaia di metri da piazza XXIV maggio, lui e i black bloc, ancora senza le cerate nere da combattimento, si sistemano nella "pancia" del corteo. "Il casco alla cintura è un segnale", spiega. Alle 15.30, in via De Amicis, si accendono i fumogeni e parte la vestizione, il lancio di "bomboni" (i petardi) e i razzi contro i poliziotti. Le tattiche sono sopraffine, da esperti di guerriglia: i black bloc si staccano dai manifestanti, una prima fila tira i fumogeni e le molotov, quelli in mezzo spaccano tutto con le mazze i martelli ("nascoste negli zaini e nelle bandiere"), quelli dietro sono i writer che imbrattano muri e vetrine sfasciate. 

Graziati dalla polizia - Il passaggio più interessante è quando l'anonimo black bloc commenta la strategia della polizia. "Volevamo lo scontro", puntavano a corso Magenta e al palazzo delle Stelline, per poi magari arrivare a piazza Duomo, l'Expo Gate al Castello Sforzesco, la Scala, Piazza Affari. La Polizia ha mantenuto le posizioni, per impedire lo sfondamento. "Pensavamo ci chiudessero in piazzale Cadorna - rivela -, tipo imbuto. Che aspettassero il nostro ingresso lì e ci caricassero. Il piazzale era chiuso a ogni varco, se ci stringevano, era un macello". Mano libera per spaccare tutto, ma in un'area limitata. Capita la strategia della Polizia, i black bloc hanno desistito e hanno iniziato a togliersi di dosso i vestiti neri: "Se arrivavamo a Pagano vestiti di nero facevano 50 arresti", ammette il giovane professionista della violenza, che finito il corteo è tornato a casa bello tranquillo: "Ho bevuto una birra e sono ripartito".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brunicione

    28 Giugno 2015 - 20:08

    Questi giovani balordi, hanno capito che la polizia non può farci niente, il primo poliziotto che li tocca, trova immediatamente un giudice cho lo condanna, e i giudici......non possono essere toccati.

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    04 Maggio 2015 - 09:09

    Penso che questi "bravi ragazzi" sono la continuzione delle br,il braccio armato e violento della sx, da questa mantenuti,protetti, finanziati, organizzati e usati, quando, se, come e dove fa comodo alla causa della sx. Ogni tanto li fanno uscire dalle tane x sfogare la violenza su città, e polizia, poi di nuovo tutti a cuccia. Solo la sx dispone di questo "pseudo esercito".

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      04 Maggio 2015 - 12:12

      'azz che acume!!! la sinistra farebbe tutto questo per subire una manifestazione devastante proprio durante il suo governo, in una città amministrata dalla stessa. Disegno diabolico

      Report

      Rispondi

  • ptonani

    04 Maggio 2015 - 00:12

    naturalmente quelli di repubblica sono collusi con i delinquenti.

    Report

    Rispondi

  • ireneus

    03 Maggio 2015 - 23:11

    Speriamo che lo prendano il delinquente e che un giorno quando se mai avrà una casa di bruciarci dentro per atto vandalico

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog