Cerca

Social risse

Reggio Emilia, condannato per diffamazione deve cancellare il post da Facebook: 100 euro di multa per ogni giorno di ritardo

Reggio Emilia, condannato per diffamazione deve cancellare il post da Facebook: 100 euro di multa per ogni giorno di ritardo

I litigi sui social network sono all'ordine del giorno e così gli scontri che finiscono in querele per diffamazione. Il vero problema è riuscire a far sparire la frase incriminata dal web, visto che sul tema del diritto all'oblio in Italia ancora se ne discute. Ma c'è chi ha trovato una soluzione, scrive il Resto del Carlino. Un avvocato di Reggio Emilia, Stefano Manfreda, ha chiesto e ottenuto dal giudice Chiara Zompì un'ordinanza urgente. Con l'atto del giudice si impone la rimozione del post su Facebook che ha fatto partire la querela e nel caso l'autore dovesse battere la fiacca, il giudice multerà ogni giorno trascorso con 100 euro.

Il fatto - Il caso in questione ha visto coinvolte un'estetista e una parrucchiera della provincia di Reggio Emilia. A ottobre dello scorso anno la parrucchiera aveva deciso di vendere prodotti di bellezza, pubblicizzandoli su Facebook. Le inserzioni sono state notate dal compagno dell'estetista che ha scritto il primo post a riguardo: "Ecco a voi la nuova estetista... quando si dice concorrenza spietata... Vuoi un consiglio - ha scritto l'uomo - appena puoi sputati in faccia da sola". A questo ha seguito un altro lungo post ritenuto offensivo dalla parrucchiera che si è prima rivolta ai Carabinieri e poi al suo avvocato. Solo dopo l'ordinanza con la multa da 100 euro al giorno, l'uomo ha rimosso il post.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giovanna.brizi

    03 Maggio 2015 - 18:06

    Ottimo

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    03 Maggio 2015 - 16:04

    Spero il principio venga applicato anche agli idioti che fanno di queste pagine l'apologia dell'insulto. Qualcuno, già ricchissimo, raddoppierebbe i suoi capitali, mentre qualche altro, meno abbiente, incrementerebbe le sue entrate.

    Report

    Rispondi

    • p.giavazzi

      04 Maggio 2015 - 08:08

      Hai ragione ma leggo che i salti pure tu.

      Report

      Rispondi

blog