Cerca

Emergenza immigrazione

Sbarchi continui, nuova strage del mare: 40 migranti annegati nel Canale di Sicilia

Sbarchi continui,  nuova strage del mare: 40 migranti annegati nel Canale di Sicilia

Circa 40 migranti sono annegati nel Canale di Sicilia cadendo in mare poco prima che il gruppo con il quale viaggiavano venisse salvato. Lo hanno raccontato oggi alcuni sopravvissuti giunti nel porto di Catania alla ong Save the children e a riferirlo a Efe è la portavoce dell’organizzazione a Catania, Giovanna di Benedetto. Alcuni degli immigrati arrivati ieri sera a bordo della nave Zeman hanno detto che "decine di immigrati" sono affogati in circostanze ancora non chiarite, ha spiegato la portavoce.

Sbarchi continui - Intanto settecento migranti soccorsi nelle ultime ore sono attesi nel porto siciliano di Pozzallo. Di questi 369 sono stati salvati da ’MY Phoenix’, l’imbarcazione gestitata da Medici Senza Frontiere (MSF) e MOAS (Migrant Offshore Aid Station). Nella notte il pattugliatore Borsini della marina militare ha effettuato un intervento di soccorso in mare recuperando 44 migranti, tra cui 3 donne. Il pattugliatore sbarcherà oggi a Palermo 483 migranti soccorsi.

Scafisti fermati - La polizia di Ragusa ha arrestato 3 scafisti per lo sbarco avvenuto ieri a Pozzallo (Ragusa) di 877 migranti che si trovavano su diversi barconi in legno e sono stati soccorsi da Asso 29, un rimorchiatore che presta servizio nella zona delle piattaforme petrolifere antistanti la Libia. Sottoposti a fermo Zied Ismail, nato in Tunisia il 04/04/1987, e Ben Abdallah Mohammed, nato in Tunisia il 21/05/1994 per aver condotto un’imbarcazione con 178 persone a bordo. Inoltre è stato fermato anche Muhammed Sultan Zolton, nato in Libia il 16/01/1989, per aver condotto un’altra imbarcazione con 352 migranti. I migranti una volta soccorsi sono stati portati al Centro di primo soccorso e accoglienza di Pozzallo, molti dei quali sono partiti immediatamente per altri centri della penisola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fepi65mi

    06 Maggio 2015 - 10:10

    Infatti...parolone..."non siamo più soli"," finalmente l'europa ci ascolta". Matteo, invece di fare discorsi e da convintone , svegliati da questo triste sogno...e fai cose concrete, reali...

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    05 Maggio 2015 - 18:06

    Non si parla mai del destino di barconi, canotti, gommoni, pescherecci, motoscafi, ecc. che traghettano i clandestini, forse che appena sbarcato il carico continuano a restituirli o meglio a riportarli ai proprietari ? Oramai non mi stupisco più di nulla.

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    05 Maggio 2015 - 17:05

    Tutti gli interpellati,ONU;USA;UE ci hanno risposto::ACCOGLIETELI!!E' evidente che c'è un chiaro disegno politico-economico dobbiamo solo obbedire in silenzio!Nel mare libico emergerà un isolotto e lo chiameremo:ISOLA DELLE OSSA!!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    05 Maggio 2015 - 17:05

    Matteo bla bla è andato in UE, i nostri alleati europei lo (ci) hanno allegramente sfanculato promettendo aiuti e qualche soldo ma, che sia chiaro, i migranti che arrivano, che abbiano diritto d'asilo o no, qui sono e qui restano. Xciò, Matteo bla bla è tornato in Italia cantando vittoria, promettendo, come sempre, miracoli e soluzioni mirabolanti...Altri 40 morti e oltre 4000 giunti. Complimenti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog