Cerca

Il caso

Busto Arsizio, soldi per aiutare i profughi: loro li spendono in scommesse

Busto Arsizio, soldi per aiutare i profughi: loro li spendono in scommesse

«Quell’incontro è una presa in giro». Roberto Maroni, presidente di Regione Lombardia, non le manda certo a dire, nemmeno al ministro Alfano. Così, ieri, ha fatto sapere che lui al vertice istituzionale per l’accoglienza dei profughi proprio non ci avrebbe messo piede: a rappresentare la Rosa Camuna sono stati gli assessori Bordonali e Garavaglia, ma il vertice del Pirellone proprio no. Il motivo? «Ci convocano per decidere come distribuire i clandestini e poi, due giorni prima, fanno una circolare che ordina ai prefetti di assegnarli». Come a dire, appunto, ci prendono per i fondelli.

E intanto scoppia la polemica sulle politiche di integrazione made in Italy. Nel senso: molti degli immigrati che sbarcano in Sicilia e poi arrivano (anche) in Lombardia usano gli aiuti giornalieri che ricevono per scommettere sulle partite di calcio. O per giocare al Lotto. Più raramente per sfidare la dea bendata con un gratta&vinci. Sì, perché il governo dà loro un tetto sotto cui stare, servizi per integrarsi e qualche spiccio per far fronte alle spese quotidiane. Giusto aiutare chi ha bisogno. Eppure a Busto Arsizio succede che quella paghetta giornaliera (non è molto: meno di tre euro) non venga sempre usata per prendere qualche bene di prima necessità. Nossignori. Viene investita in ricevitoria. Se ne è accorto Giampiero Reguzzoni, vicesindaco della città in quota Lega Nord, una mattina facendo colazione al bar. «Li ho visti lì», racconta: «Io bevevo il caffè e intanto c’erano quattro o cinque profughi che scommettevano». Allora li ha seguiti e si è ritrovato di fronte alla palazzina che, a Busto, ospita proprio loro: i migranti dell’emergenza sbarchi.

Non succede solo in provincia. Il dubbio è che accada anche a Milano, basta fare un giro per le lottomatiche e i botteghini. Ne abbiamo girati dodici dal centro di Milano a Loreto. E tutti i gestori confermano che sono molti i clienti stranieri. Chi sono? «Per lo più uomini, intorno alla quarantina, africani o comunque di Paesi arabi: spendono due o tre euro alla volta» racconta qualcuno. E, guarda caso, quella è proprio la cifra che ricevono quotidianamente a titolo di aiuto. «Come fai a sgamarli, non siamo mica tenuti a chiedere i documenti», taglia corto un altro. «È comunque gente che gioca pochi spicci e non con regolarità», chiosa un terzo. L’identikit, insomma, sembra proprio combaciare.

Va detto, non c’è nulla di irregolare. Per scommettere o comprare un gratta&vinci non serve un documento d’identità. E i profughi non fanno eccezione: possono disporre di quella piccola somma come meglio credono. Certo, però, la fila al botteghino per fare una puntata al Lotto lascia perplessi. Soprattutto se si pensa ai soldi stanziati dal governo per far fronte a quelli che si pensa siano bisogni dei profughi un po’ più impellenti. «Se venisse provato, sarebbe l’ennesima dimostrazione che non dovremmo dar loro nemmeno un euro», commenta Igor Iezzi, consigliere comunale per il Carroccio a Palazzo Marino: «Quelli sono soldi sprecati, che potremmo usare diversamente, magari per i milanesi in difficoltà che certo non li userebbe per scommettere sulle partite di calcio».

di Claudia Osmetti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ArsaWeb

    09 Ottobre 2015 - 07:07

    Io cittadino Italiano disoccupato da tre anni, invalido civile per sindrome depressiva, licenziato per la mia malattia, dove dovrei essere tra laltro tutelato, non ho mai chiesto aiuto, e l'unica volta che ho chiesto agli assistenti sociali di darmi una mano almeno per l'affitto, il comune di Busto Arsizio mi dicono che non ci sono fondi, ma per profughi ci sono. bravi

    Report

    Rispondi

  • Sting

    08 Maggio 2015 - 19:07

    In uno stato dove tanti concittadini sono convinti che chi è demente e collui che protesta contro questo sfracello della nostra società, e uno stato destinato alla fine, e solo una questione di tempo, quanto questi riceveranno tutti gli status di cittadinanza con i vari diritti acquisiti, saranno cavoli amari per tutti, quale società stiamo costruendo per i giovani, una babele che imploderà

    Report

    Rispondi

    • emilb

      09 Maggio 2015 - 12:12

      certamente ....non appena Bruxelles sarà a maggioranza islamica......quindi fra una decina d'anni........emil-b il login non posso farlo tutti i santi giorni....veda pure libero di non complicare la vita alle persone.

      Report

      Rispondi

    • emilb

      09 Maggio 2015 - 12:12

      certamente ....non appena Bruxelles sarà a maggioranza islamica......quindi fra una decina d'anni........emil-b il login non posso farlo tutti i santi giorni....veda pure libero di non complicare la vita alle persone.

      Report

      Rispondi

  • marcolelli3000

    08 Maggio 2015 - 19:07

    tutti sanno che i poveri non si aiutano coi soldi, ma obbligandoli a trovarsi un lavoro. se non lo trovano allora e' meglio che siano rimandati in africa con una bella catapulta gigante.

    Report

    Rispondi

  • jerico

    08 Maggio 2015 - 17:05

    Di cosa vi meravigliate?La sinistra fà il suo mestiere,stà solamente incrementando il suo serbatorio elettorale,quanto prima darà loro la cittadinanza a cui seguirà il reddito di cittadinanza,ed il gioco è fatto,questi africani,ovviamente ''riconoscenti per tanta ''Befana'',voteranno tutti a sinistra,e da Palazzo Chigi non li caccia più nessuno !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog