Cerca

Cassa vuota

Province, l'allarme della Cgil: "Da giugno non ci saranno più i soldi per gli stipendi dei dipendenti pubblici"

Province, l'allarme della Cgil: "Da giugno non ci saranno più i soldi per gli stipendi dei dipendenti pubblici"

La legge di Stabilità del governo di Matteo Renzi e la legge Delrio sul riordino delle Province rischia di lasciare i dipendenti degli enti aboliti senza stipendio. A lanciare l'allarme è stata la Cgil attraverso il responsabile per il Settore pubblico Michele Gentile: "In molte province non ci saranno più soldi per pagare i dipendenti pubblici - dice Gentile - e nel frattempo non si è provveduto a ricollocare gli esuberi" proprio determinati dalla riforma dell'attuale ministro delle Infrastrutture tuttora bloccata. Il sindacato di Susanna Camusso scarica tutta la responsabilità sul governo, oltre che: "alla lentezza delle regioni e i tagli della legge di Stabilità 2015". Una riduzione che per il sindacato ammonta a 1 miliardo per l'anno corrente, 2 per il 2016 e 3 per il 2017.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldo delli carri

    10 Maggio 2015 - 13:01

    speriamo per tutti questi parassiti della pubblica amministrazione----

    Report

    Rispondi

  • oasis77

    10 Maggio 2015 - 11:11

    Che dispiacere immenso.. Probabilmente oggi non mangerò al pensiero che dipendenti pubblici non avranno un soldino. Io domani incasserò la mia fattura da 1000 euro con 58% di tassazione con affitto da pagare. Per me la cgil non muove un dito, anzi dice che sono un evasore. Fate la fame anche voi nullafacenti!! E andate a lavorare!

    Report

    Rispondi

blog