Cerca

Società multietnica

Le Forze Armate si adeguano: niente maiale nella "razione K" dei soldati musulmani

Le Forze Armate si adeguano: niente maiale nella "razione K" dei soldati musulmani

Tonno e piselli e minestrone di verdure al posto di wurstel e tortellini al ragù: in linea con una società sempre più multietnica e interreligiosa, anche le Forze armate italiane si adeguano e lanciano le ’razioni k’ halal, preparate per i militari musulmani, nel rispetto dei precetti dell’Islam. Non si tratta dell’unica novità: allo studio degli esperti, secondo quanto apprende l’Adnkronos, ci sarebbero anche soluzioni per vegetariani e celiaci, che già godono di menù dedicati nelle mense delle caserme.

Esigenze religiose - Niente carne di maiale quindi, ma alimenti in linea con le esigenze religiose dei militari, che anche se impegnati nelle missioni all’estero e in zone di guerra, non vogliono rinunciare ad osservare le prescrizioni alimentari della religione islamica. D’altronde, se è vero, come diceva Napoleone Bonaparte, che "un esercito marcia sul suo stomaco", è giusto che il rancio dei soldati di oggi si adegui ai gusti e alle esigenze dei suoi 'consumatori'. Così, per rispettare i precetti religiosi dei tanti italiani di seconda generazione che fanno parte delle forze armate, arrivano le razioni da combattimento del terzo millennio, utilizzate nel corso di missioni all’estero nei Paesi islamici, sia dai nostri militari che dalle forze di sicurezza che collaborano con il nostro Paese.

Menù da combattimento - Nel menù da combattimento ecco allora filetti di sgombro e pasta e fagioli prendere il posto degli alimenti proibiti dall’Islam che nella preparazione richiedono l’utilizzo della carne di maiale. La scelta, rispetto al passato, è ampia, con sette moduli alternativi, identificati da colori differenti (giallo, rosso, grigio, verde, bianco, rosa e blu), diversi tra loro per la varietà delle pietanze e divisi tra colazione, pranzo e cena. Ogni pasto quotidiano è confezionato in una scatola differente, corredata di spazzolino usa e getta, dentifricio, fiammiferi, posate di plastica, tovaglioli di carta, stuzzicadenti e una bustina di sale. Non mancano tè, caffè e cappuccino liofilizzati, mentre per riscaldare
il pasto c’è un piccolo fornello, con tanto di tavolette di combustibile solido e istruzioni per l’uso in tre diverse lingue.

100mila razioni l'anno - Ogni anno, in media, si consumano 100mila razioni da combattimento, di cui 70mila in operazioni all’estero e 30mila in attività all’interno del nostro Paese. Per dare energia con il giusto apporto calorico anche in situazioni di prolungato stress, ognuno dei pasti è studiato per garantire il valore medio quotidiano di 3.650 kilocalorie, con il
57% di carboidrati, il 12% di proteine e il 31% di grassi.

Vegetariani e celiaci - Niente più gallette e insipidi zupponi serviti nelle gavette, quindi: il rancio dei tempi moderni si è evoluto e allo studio degli esperti del Corpo di Commissariato dell’Esercito che, trale altre competenze ha appunto quella del vettovagliamento, ci sono ’razioni k’ ad hoc anche per celiaci e vegetariani, due 'categorie' che hanno già dei menù dedicati nelle mense delle caserme.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ireneus

    15 Maggio 2015 - 14:02

    Si continua nel percorso per nostra inesorabile fine ,a quando la festa del venerdì per la preghiera?O quando vieteremo le gonne corte per non offendere la sensibilità religiosa dei musulmani. Già negli ospedali cosa che nessuno dice in TV gli operatori sanitari sono costretti a vere guerre perché questi padroni pretendono che le loro donne vengano visitate da medici donna ecc,ecc

    Report

    Rispondi

  • ireneus

    15 Maggio 2015 - 14:02

    Si continua nel percorso per nostra inesorabile fine ,a quando la festa del venerdì per la preghiera?O quando vieteremo le gonne corte per non offendere la sensibilità religiosa dei musulmani. Già negli ospedali cosa che nessuno dice in TV gli operatori sanitari sono costretti a vere guerre perché questi padroni pretendono che le loro donne vengano visitate da medici donna ecc,ecc

    Report

    Rispondi

  • binariciuto

    15 Maggio 2015 - 12:12

    Che ridere (anzi, piangere!!!!); ormai siamo alla totale calatura di braghe. INvece non sarebbe male bombardare i talebanmusulmani con carne di maiale tritata, chissà che non ne riportino un trauma religioso fatale!

    Report

    Rispondi

  • luigirusso

    14 Maggio 2015 - 19:07

    La notizia vera è che ci siano militari islamici nelle forze armate italiane come cacchio faranno a giurare fedeltà alla patria italiana e allo stesso tempo giurare fedeltà alla dar al islam (casa dell'islam )bisogna proprio essere scemi i musulmani non faranno la guerra ad altri musulmani. Saranno il cavallo di troia dentro all'esercito.l

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog