Cerca

Vecchi ricordi

Messa in onore di Mussolini, Padre Claudio: "non è stata apologia del fascismo ma una semplice messa per un defunto"

Benito Mussolini

“Non è stata apologia del fascismo, ma una semplice preghiera per un defunto”. A dirlo Padre Claudio, 73 anni, viceparroco della chiesa di Santa Maria della Guardia di Catania dove il 28 aprile scorso è stata celebrata una messa in suffragio di Benito Mussolini. “Io non sono né fascista né comunista – ribadisce - ma sono solo un sacerdote che cerca di portare un po’ di bene e un po’ di pace”.

La vicenda - Dopo la funzione l’Anpi di Catania aveva presentato alla procura un esposto, e ora il parroco vuole dire la sua versione dei fatti. “A chiedere di ricordare Mussolini durante la messa sono state persone che sono di destra, ma c’erano anche persone semplici che conosco da una vita, per me è stata una cosa naturale”. E sull’accusa di apologia del fascismo si difende dicendo che “sono illazioni e cose fuorvianti al 100%. Ma come si fa a scambiare il ruolo di una liturgia eucaristica per un’apologia. Io non vado a sindacare i meriti o le colpe di quella persona, non tocca a me, a me hanno solo chiesto una messa”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Joachim

    26 Giugno 2015 - 09:09

    Apologia di fascismo....una dabbenaggine.....un'odio come quello del sindaco di Roma che parla di fogne.....fogne rosse intrise di vendette dell'Emilia mai condannate.... questa è la vera apologia di reato...quella di essere comunista....e vivere nell'odierna cloacca dall'associazione a delinquere di stampo politico Onoriamo i nostri morti e Benito...benemerito d'italia

    Report

    Rispondi

  • Albatross

    18 Maggio 2015 - 10:10

    Mio nonno (pace all'anima sua) diceva sempre che, se si vuol capire quali persone abitano in un paese, bisogna andare a fare un giro nel suo cimitero perché lo si capirà da quanto è curato. Lo stesso Omero narrava delle tregue che gli eserciti in guerra si davano per dare sepoltura ai loro morti. Il rispetto dovuto ad un morto, chiunque esso sia, è al di là delle colpe o dei meriti avuti in vita.

    Report

    Rispondi

  • etano

    18 Maggio 2015 - 08:08

    Fino a ché esisteranno parassiti come l'Anpi e feccia comunista varia l'Italia sarà sempre un covo di balordi che bovinamente inneggiano all' apologìa di fascismo solo per squallida propaganda. Gli americani purtroppo ci hanno indubbiamente salvati dal nazismo e dal fascismo ma si sono distrattamente dimenticati di salvarci dal comunismo perché poteva ancora essere arginato questo virus marcio.

    Report

    Rispondi

  • Italotrend

    17 Maggio 2015 - 19:07

    Un messaggio giusto quello del prete. Unico piccolo neo il fatto che Mussolini non fosse proprio religioso.

    Report

    Rispondi

    • vitto.favaretto

      18 Maggio 2015 - 00:12

      come tutti i socialisti dell'epoca

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog