Cerca

La follia

Napoli, per una lite condominiale un uomo spara dal balcone con un fucile e ferisce otto persone, fra cui tre minorenni

Napoli, per una lite condominiale un uomo spara dal balcone con un fucile e ferisce otto persone, fra cui tre minorenni

Nel giorno dei funerali di Francesco Bruner, il capitano della polizia municipale di Napoli ucciso nella strage di Secondigliano, la città partenopea è scossa da un’altra sparatoria. Ieri notte ad Afragola M. C., 76enne ex guardia giurata, ha sparato con un fucile dal suo balcone ferendo tre persone, fra cui tre minorenni. Anche in questo caso l’origine del gesto sono dei futili motivi, riconducibili a precedenti dissapori fra i condomini riguardo al parcheggio del palazzo.

La vicenda - Quando alcune delle vittime, al loro rientro verso l’una di notte, si sono dimenticate di chiudere il cancello del cortile condominiale l’uomo non ci ha visto più e ha sparato 6 colpi dal suo balcone con un fucile da caccia regolarmente registrato. Tre degli otto feriti sono minori, di 16, 11 e 7 anni. L’uomo è stato arrestato a Campobasso, dove si era recato dopo l’accaduto, e gli è stato sequestrato un fucile Franchi calibro 12 con un colpo in canna, 10 cartucce e una piccola mannaia.

L’appello del sindaco – Il primo cittadino di Afragola, Domenico Tuccillo, ha commentato la notizia del ferimento esprimendo preoccupazione per l’escalation di violenza nel napoletano: “In un momento in cui la sicurezza delle persone viene messa a rischio non solo da episodi di criminalità, ma anche da una condizione di malessere sociale che sfocia in episodi di aggressività o addirittura di follia, occorre un Piano regionale per la sicurezza che assicuri la massima vigilanza e preveda la tutela dei più deboli”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog